Attualità

L’album “maggio” vince il premio città di Loano

Riccardo Tesi e Banditaliana1

La giuria del Premio Nazionale Città di Loano per la musica tradizionale italiana ha assegnato il Premio Miglior Album 2014 al disco “Maggio” (Visage Music/Materiali Sonori) di Riccardo Tesi & Banditaliana.
Il riconoscimento alla migliore produzione musicale del 2014 è stato decretato da una prestigiosa giuria composta da oltre sessanta giornalisti musicali.

“MAGGIO” aggiunge una nuova tappa al lungo viaggio di Banditaliana in quel Mediterraneo immaginario che da sempre ispira la sua musica, fresca e solare, senza frontiere, dove si fondono tradizione e innovazione. Composizioni originali, virtuosismi strumentali, preziosi incastri ritmici e arrangiamenti raffinati costituiscono la cifra stilistica del gruppo fondato da Riccardo Tesi nel 1992. Canzoni che raccontano di mari, di viaggi, di ricordi e di speranza. In “Maggio” immancabili sono le composizioni strumentali in cui i ritmi della tradizione meridionale si fondono con improvvisazioni e sonorità contemporanee, con elementi che tradiscono un amore mai sopito per il “progressive”. Il tutto ben accompagnato da canti rituali della montagna toscana, echi di liscio traslato in chiave “balkan”.
Riccardo Tesi, compositore e organettista di fama internazionale, considerato uno dei musicisti più audaci e autorevoli della nuova scena world europea, è il fondatore del progetto Banditaliana. Fin dal suo esordio sono elementi portanti della band Maurizio Geri, voce solista e chitarrista funambolico il cui stile fonde le tematiche legate alla musica mediterranea con l’improvvisazione swing-manouche, Claudio Carboni sassofonista dotato di un fraseggio secco e preciso, e il percussionista Gigi Biolcati, a suo agio nella musica etnica e nel jazz.

Assegnati dalla direzione e dall’organizzazione del Premio Città di Loano anche il Premio alla Carriera e il Premio alla Realtà Culturale 2015.

Il Premio alla Carriera 2015 sarà consegnato a Luigi Lai con la seguente motivazione:
“A Luigi Lai per la sua insostituibile testimonianza, artistica e umana, che unisce tradizione e divulgazione culturale. Discendente diretto della scuola dei suonatori di launeddas e del patrimonio musicale e culturale che arriva da Villaputzu, in Sardegna, ha saputo mantenere vivo l’interesse per uno strumento che ha ripreso il suo tragitto nella contemporaneità, in buona parte grazie alla sua tenace opera di insegnante e divulgatore”.

Il Premio Realtà Culturale 2015 è stato assegnato a Lou Dalfin con la seguente motivazione:
“A Lou Dalfin per un percorso, più che trentennale, in cui la musica occitana è diventata territorio comune e conosciuto in tutta Italia e non solo. Senza perdere l’identità né il legame con le radici, i Lou Dalfin di Sergio Berardo sono riusciti a rinverdire repertori storici, a innescare collaborazioni contemporanee e avventurose, anche al di fuori della musica strettamente tradizionale, e a dimostrare quanto linguaggi come il loro possano essere contemporanei e vivi”.
Il Premio Città di Loano, nato undici anni fa con la direzione artistica del giornalista John Vignola, promuove e valorizza la produzione contemporanea di musica tradizionale di radice italiana attraverso il coinvolgimento di artisti, etichette discografiche, giornalisti e operatori culturali.
Il Premio Città di Loano è organizzato dall’Associazione Compagnia dei Curiosi in collaborazione con l’Assessorato al Turismo e alla Cultura del Comune di Loano e con il contributo della Fondazione A. De Mari. I premi saranno consegnati in occasione del festival che si svolgerà nella località ligure dal 25 al 27 settembre 2015.
La classifica del Premio al miglior Album 2014
1° posto
Maggio (Visage Music/Materiali Sonori), Riccardo Tesi & Banditaliana

2° posto
Live (Autoproduzione), Orchestra Bottoni

3° posto
Crescendo (Visage Music/Materiali Sonori), Duo Bottasso

4° posto
Ansema (Felmay), Tre Martelli & Gianni Coscia

5° posto
Festa italiana (Helikonia/Egea), Lucilla Galeazzi
Isula ranni (Finisterre), Unavantaluna

7° posto
Amada (Autoproduzione), Renat Sette/Elva Lutza

8° posto
Mozart a sud di Napoli (Radici Music/Egea), Nando Citarella

9° posto
Stundai (Felmay), Liguriani

10° posto

Canciari patruni ‘un è l’bittà (Contro Records) Salvo Ruolo
Xena Tango (CNI), Roberta Alloisio

La Giuria del Premio
Maurizio Agamennone, Giovanni Alcaini, Ricky Barone, Daniele Bergesio, Marco Boccitto, Loris Bohm, Raffaello Carabini, Pietro Carfì, Giordano Casiraghi, Pietro Cheli, Gianni Ciaccio, Aldo Coppola Neri, Valerio Corzani, Giandomenico Curi, Enrico De Angelis, Paolo De Bernardin, Flaviano De Luca, Ciro De Rosa, Paola De Simone, Paolo Del Ry, Enrico Deregibus, Salvatore Esposito, Gerardo Ferrara, Massimo Ferro, Guido Festinese, Simona Frasca, Guido Giazzi, Mario Giovannini, Jonathan Giustini, Ezio Guaitamacchi, Federico Guglielmi, Marco La Viola, Marco Lutzu, Ignazio Macchiarella, Giorgio Maimone, Maurizio Marino, Tiziano Menduto, Giorgio Meneghetti, Gaetano Menna, Marco Miconi, Beppe Montresor, Alessandro Nobis, Giancarlo Nostrini, Rosario Pantaleo, Massimo Pirotta, Massimo Poggini, Ezio Riberi, Alessandro Rosa, Roberto G. Sacchi, Vincenzo Santoro, Annalisa Scarsellini, Federico Scoppio, Stefano Starace, Salvatore Titolo, Jacopo Tomatis, Federico Vacalebre, Gianluca Veltri, John Vignola, Antonio Vivaldi, Enrico Zagnagnoli, Paolo Zara, Giorgio Zito.
RICCARDO TESI E BANDITALIANA
Compositore, strumentista, ricercatore: queste le anime della complessa e poliedrica personalità artistica di Riccardo Tesi, autentico pioniere dell’etnica in Italia. Dagli esordi decisamente folk nel 1978 al fianco di Caterina Bueno, alle odierne collaborazioni, la storia musicale del pistoiese Tesi vive di una preziosa continuità fatta di passione e di curiosità onnivore, che dalla tradizione toscana lo ha accompagnato al confronto con quelle italiane, basche, inglesi, francesi e malgasce, con il jazz, il liscio e la canzone d’autore.
Dal 1992 è il leader fondatore di Banditaliana, formazione che fonde in composizioni originali ed eleganti arrangiamenti di tradizione toscana, profumi mediterranei, improvvisazioni jazz e canzone d’autore. La formazione si è imposta in tutta Europa e oltreoceano (Canada, Australia, Giappone) come una delle più interessanti nel panorama internazionale della world music.
Fin dal suo esordio nel 1992, sono elementi portanti della band Maurizio Geri, voce solista e chitarrista funambolico il cui stile fonde le tematiche legate alla musica mediterranea con l’improvvisazione swing-manouche, e Claudio Carboni, sassofonista dotato di un fraseggio secco e preciso, cresciuto nella migliore tradizione del liscio.
Banditaliana ha al suo attivo tre album. Il primo, “Banditaliana” (Il Manifesto, 1998), prodotto da Stefano Melone (collaboratore di Ivano Fossati), ha ottenuto ampi consensi dalla stampa specializzata di tutto il mondo ed è stato eletto album dell’anno dal referendum di Folk Bullettin. Il secondo, “Thapsos” (Il Manifesto, 2000), è stato eletto disco del mese da Jam e Rockstar, in Francia ha ricevuto il “Bravo” di Trad Magazine, “Choc de la Musique” e la segnalazione di Repertoire. Il terzo, “Lune” (Il Manifesto, 2004) con la partecipazione di Marco Fadda alle percussioni, Daniele Mencarelli al contrabbasso, Mirko Guerrini alle tastiere, Patrick Vaillant al mandolino, il quartetto d’archi Archea e gli ospiti speciali Ginevra di Marco e Francesco Magnelli (ex CSI e PGR), ha ottenuto nel 2005 il Premio Città di Loano per la musica tradizionale italiana come miglior album. In formazioni allargate, Banditaliana ha messo in scena numerosi progetti originali come “Acqua foco e vento” di R. Tesi e M. Geri (Il manifesto, 2005), “Crinali” di R. Tesi e C. Carboni (Felmay, 2006), Presente Remoto, di R. Tesi (Il manifesto, 2007), “Sopra i tetti di Firenze”, di R. Tesi e M. Geri (Materiali Sonori, 2010) dedicato alla musica di Caterina Bueno (Miglior Album 2010 del Premio Città di Loano) “Madreperla” (Materiali Sonori, 2011), Maggio (2014, Visage Music/Materiali Sonori).
LUIGI LAI, classe 1932, è nato a San Vito, nel Sàrrabus (Sardegna sud-orientale), zona ritenuta da molti la patria naturale delle launeddas, lo strumento più caratteristico della musica popolare sarda ed uno dei più antichi strumenti polifonici del bacino del Mediterraneo.
Ha intrapreso lo studio di questo strumento dall’età di 7 anni, dimostrando un grande talento artistico, e acquisendo la tecnica esecutiva sotto la guida dei grandi maestri, ora scomparsi, Efisio Melis e Antonio Lara, entrambi originari di Villaputzu. Alle launeddas ha sempre dedicato una cura costante attraverso un profondo impegno quotidiano che non ha mai interrotto nemmeno quando ha dovuto trasferirsi per diversi anni in Svizzera, dove peraltro ha avuto l’opportunità di maturare la propria cultura musicale studiando anche altri strumenti come le tastiere e il sassofono all’Accademia Musicale di Zurigo. Con grande passione e costante impegno ha acquisito quella sicura tecnica di esecuzione che unitamente alla sua personale sensibilità artistica fanno oggi di lui il più famoso ed apprezzato musicista delle launeddas. A lui va riconosciuto il merito di aver elevato a massima espressione artistica la musica popolare sarda, e di aver contribuito a farla apprezzare non solo in Sardegna ma in tutto il mondo. Ha partecipato a numerosissime manifestazioni musicali internazionali in Europa, in America, in Medio Oriente, fino al Giappone.
Ha collaborato con numerosi interpreti della musica popolare sarda come Maria Carta, i Tenores “Remunnu e Locu” di Bitti e i Tenores di Neoneli ed ha proposto interessanti confronti tra la musica delle launeddas e diverse espressioni musicali, dalla musica leggera al jazz, collaborando con artisti di fama nazionale e internazionale come Angelo Branduardi, Paolo Fresu, Enrico Rava, Tullio De Piscopo, Enzo Avitabile, e tanti altri. Di recente ha anche esplorato le sonorità create con l’elaborazione elettronica della musica delle launeddas, ed è arrivato a proporre un ruolo fondamentale delle launeddas nella musica da camera in chiave contemporanea, anche riscoprendo brani di estrazione classica adattabili alle launeddas. Nel corso della sua lunga attività, ha prodotto diverse incisioni discografiche, sia in collaborazione con altri artisti, che come solista, fra cui di notevole qualità artistica si ricordano “Is Launeddas” (Vol. 1° e Vol. 2°) del 1985, “Canne in Armonia” del 1997 e “S’arreppiccu” del 2003. Da sempre ha dedicato il suo impegno a trasmettere l’arte delle launeddas a tantissimi appassionati, per lo più giovanissimi, attraverso la realizzazione di varie Scuole di Launeddas in diverse parti dell’Isola, offrendo l’opportunità a tantissimi allievi di apprendere le tecniche esecutive basilari, seguendo direttamente la preparazione di alcuni allievi dotati di particolare talento. In questo spirito di diffusione dell’arte musicale delle launeddas, ha recentemente pubblicato il manuale “Metodo per le launeddas” in due lingue (italiano e inglese), opera didattica unica nel suo genere.
LOU DALFIN cantano nella tradizionale lingua “d’Oc” e portano la cultura occitana in giro per il mondo, come gli antichi trovatori erano soliti esibirsi facendo da ambasciatori delle prime culture Europee. La band di Sergio Berardo ha reso la musica occitana contemporanea, facendola uscire dai ristretti circoli di appassionati perché divenisse fenomeno di massa. All’esterno dell’area occitana Lou Dalfin è stato un anello di congiunzione tra realtà diverse: la pianura piemontese e l’Italia da una parte, le vallate e l’area transalpina dall’altra. Con Lou Dalfin le valli d’Oc non sono più l’estremo lembo di una cultura asettica ma hanno riacquistato la loro funzione storica tradizionale: l’essere ponte.
Fondato da Sergio Berardo, il gruppo nasce nel 1982 con l’obiettivo di rivisitare la musica tradizionale occitana. Una “line-up” acustica (ghironda, fisarmoniche, violino, plettri, clarinetto, flauti) e un repertorio di brani storici e popolari – sia strumentali che vocali – caratterizzano il percorso artistico della formazione originaria. Con quest’approccio vengono registrati due LP: En franso i ero de grando guero nel 1982 e L’aze d’alegre nel 1984. Dopo uno stop di 5 anni, Lou Dalfin “resuscita” nell’autunno del 1990: Berardo riunisce attorno a sé vari musicisti delle più diverse estrazioni musicali e l’inizio di questa seconda esperienza ha rappresentato il naturale momento di transizione del gruppo dalla formula acustica a quella attuale. Accanto agli strumenti più tipici della tradizione – vioulo, pivo, armoni a semitoun, pinfre, arebebo, viouloun, etc. – vengono introdotti basso, batteria, chitarra e tastiere. E’ il nuovo suono dei Lou Dalfin che cela un ideale e un fine esplicito: rendere la tradizione occitana fruibile dal maggior numero di persone, perché le radici culturali di pochi divengano patrimonio di tutti. Nel 1991 esce W Jan d’l’Eiretto, il disco testimone del nuovo corso.
Dopo 30 anni di carriera, 11 album realizzati, un impressionante numero di collaborazioni e concerti, il gruppo è adesso nella fase di maturità artistica: l’alchimia raggiunta tra gli strumenti tradizionali e moderni si esprime con uno straordinario linguaggio musicale, personale e rispettoso del proprio nobile passato, in cui convivono melodie millenarie, riff di chitarre, echi di canzone d’autore.
Nel 2000 Sergio Berardo fonda l’Associazione Culturale Lou Dalfin con l’intendo di promuovere la cultura occitana anche al di fuori dell’attività del gruppo. Ed ecco così nascere il progetto della Rete della musica occitana che propone corsi di strumenti tradizionali nelle valli di lingua d’òc, la Festa de Lou Dalfin che attira ogni anno migliaia di persone da tutta Italia, dalla Francia e dalla Spagna, la collana musicale Viva Qui Sona dedicata alla riscoperta di alcune tra le più belle musiche tradizionali.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: