AttualitàEconomia

Nel 2016: occhio alle Banche !!

Nel 2016:occhio alle Banche !!

Nel gennaio 2016 entrerà in vigore, anche in Italia, la Direttiva Europea BRRD (Bank Recovery and Resolution Directive) che dispone regole comuni per tutti i Paesi aderenti all’UE per gestire le crisi delle banche. Sulla base di questa direttiva la Banca d’Italia, individuata come l’ “Autorità di risoluzione” italiana, oltre ai tradizionali poteri di rimuovere gli organi amministrativi della Banca in crisi e nominare amministratori temporanei, potrà creare strumenti di regolamentazione delle crisi bancarie capaci di gestire la risoluzione delle stesse. Fra queste azioni vi è la previsione di compartecipazione alle perdite della banca, non solo da parte degli azionisti o degli obbligazionisti, ma, anche, da parte dei correntisti che abbiano depositi superiori a 100mila Euro. In gergo tecnico questa possibilità viene chiamata “Bail-in bancario”.
Nello scorso mese di luglio la Camera dei Deputati ha approvato la succitata Direttiva Europea ed i giornali italiani hanno dato la notizia parlando di “prelievo forzoso sui conti correnti per salvare le Banche”. Ciò non è vero perché il “bail-in” bancario è una garanzia interna, che si attiva solamente in caso di difficoltà economiche della banca e la sua dichiarazione di insolvibilità derivante da uno stato di decozione. Al contrario, il prelievo forzoso è un provvedimento dell’autorità di Governo, che decide di tassare i contribuenti che hanno depositi bancari. Tecnicamente è un’imposta patrimoniale, che prescinde dalla salute economica della banca ed è generalizzata per tutti i contribuenti.
Che cosa cambia rispetto alla situazione attuale? Sino ad oggi le banche in difficoltà venivano salvate con un intervento dello Stato. Con la nuova direttiva Europea, invece, le banche dovranno provvedere con interventi dall’interno. In conseguenza di ciò specifiche categorie di azionisti e creditori della banca dovrebbero mettere a disposizione risorse per sanare le perdite della propria banca. Dal bail-in sono esclusi (per ora) i conti correnti al di sotto di 100.000€, le obbligazioni garantite dagli attivi della banca ed i debiti a breve sul mercato interbancario.
E’ necessario, quindi, cercare di conoscere bene la situazione patrimoniale della banca nella quale abbiamo collocato i nostri soldi e seguire con attenzione le vicende del gruppo nella quale la nostra banca è inserita. Il Governo italiano, evidentemente, si rende conto del pericolo rappresentato da questa novità normativa e sta studiando la creazione [con l’ausilio della Cassa Depositi e Prestiti] di una “bad bank” dove sistemare, temporaneamente, le sofferenze ed i titoli “tossici” contenuti nel loro patrimonio, pagando rendimenti più alti. La “bad bank” acquista titoli al alto rischio di insolvenza a prezzi stracciati, lucrando un rendimento molto più alto di quelli del mercato corrente e lucrando, anche, le plusvalenze per i titoli che vanno a buon fine. Sui grandi numeri e nel medio-lungo periodo, il saldo finale può dare risultati interessanti e positivi.
L’obbiettivo di questa soluzione [se sarà realizzata] è quello di liberare i patrimoni delle banche dai vincoli delle sofferenze in modo da consentire di mettere a disposizione del mercato risorse maggiori, partecipando concretamente alla ripresa economica.

Lorenzo Ivaldo 

1 commento

  • Prima di tutti farei pagare quei disonesti e incapaci banchieri ,poi que politicanti che gli l’hanno permesso.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: