Cultura e Musica

Kristina Comiotto : del tempo …e dell’immagine a Pozzo Garitta fino al 10 ottobre

kristina comiottoEspone, al “Pozzo Garitta” di Albissola Marina, sino al 10 ottobre, la pittrice svizzera Kristina Comiotto. Nata a San Gallo nel 1964, ha conseguito un BFA (Bachelor of Fine Arts), nel 1997, alla “School of Visual Arts” di New York. L’artista è amante dell’”immagine”, nel vero senso della parola: “forma con la quale una cosa appare a chi la guarda” secondo una definizione di dizionario ed infatti le sue figure, quelle dei lavori in esposizione almeno, sono costruite intorno ad una immagine reale, intorno ad un’”istantanea” dalla quale l’autrice è stata colpita e che pertanto ha fotografato; la foto, riportata sulla tela attraverso una originale tecnica che potremmo assimilare al “frottage”, assume un ruolo centrale nel quadro, che intorno ad essa si sviluppa. L’esposizione al Pozzo Garitta ha per titolo..”del tempo” in quanto l’artista, per sua stessa ammissione, vorrebbe sottrarre il tempo allo spreco che se ne fa nella società della fretta e della velocità, in cui tutto è piegato al conseguimento del fare e del guadagnare, in cui “non c’è tempo”, in cui l’impazienza nevrotica caratterizza le nostre giornate. A ben pensare, voler sottrarre un evento, una persona, un paesaggio al fluire del tempo, “immortalare” una scena od un personaggio inducendo l’osservatore a soffermarsi, a fissare, ad imprimere nella mente, sono sempre state fra le delle peculiarità dell’Arte e della pittura in particolare! Ma Kristina ha forse un occhio di riguardo in più, per la realtà che ci sta intorno, e difatti in primo luogo la fotografa, tale e quale com’è; una finestra, una luce dell’illuminazione stradale, una lampada in un caffè arabo se non degli scorci affascinanti di Malaga, devono essere visti come punto di partenza di una realtà concreta e prioritaria rispetto alla “raffigurazione” pittorica! Dopodiché l’artista va alla ricerca di un effetto visivo da costruire intorno alla fotografia ed in tale modo un’immagine, un’”istantanea” che può riprodurre anche un oggetto banale, emblema del tentativo di “assaporare” l’essere ed il divenire delle cose senza lasciare che tutto venga travolto dalla frenesia della fretta, viene proiettata, o trasfigurata, o riscattata, al di fuori della propria oggettività, verso il mondo del colore e delle forme astratte, studiate, dimostrando quanto qualunque cosa è suscettibile di assumere dignità artistica! Certo che le vedute o meglio, le impressioni di Malaga, piene di suggestione, di luce, di colore caldo e solare e di persistenti allusioni moresche che danno loro l’impronta particolare– che suggerirebbero di far pensare, seppure potrebbe non essere così, ad una propensione dell’autrice, proveniente dalle vallate della Svizzera alpestre, verso lidi marini ed esotici – sono di per sé un tema di grande rilievo figurativo, un “effetto visivo”di assoluto valore ma non di meno lo sono le forme provenienti da immagine magari sfocate, che avviano l’osservatore verso l’effetto cromatico puro. Con le dovute differenze, potremmo avvicinare la ricerca di Kristina a quella di un grande della pittura contemporanea, Victor Vasarely. Come lui Kristina è impegnata a “codificare” una gamma di registri di colore che indulgono sulla funzione visiva, sulla ricerca di un’estetica dell’effetto visivo, senza mancare della capacità fondamentale di sviluppare idee concettuali di grande finezza intellettuale, come si nota negli “immer waerend”, “moti perpetui”, il cui fascino evocativo formale è di notevole impressione! Il tempo allora, sicuramente, sta a cuore a Kristina Comiotto, nel cercare di carpirne quanto di più prezioso, nel suo fluire inesorabile, si lascia alle spalle, sia esso la rifulgente Malaga o la finestra osservata in un”gasse” – vicolo – di una città della sua Svizzera, ma anche l’immagine, per ciò che essa è capace di evocare e di creare, per le idee che da essa si possono trarre, per la sorprendente materia di cui è paravento, per la incredibile sorgente che essa, e qualunque essa sia, è in grado di ispirare all’occhio attento dell’artista; anche questo, a ben vedere, il costante messaggio della pittura! Ma i quadri di Kristina ci rimangono in mente per quel particolare e personalissimo gioco di realtà e di irrealtà, di concretezza – perché una fotografia è concreta! – e di astrattezza, di percezione e di illusionismo che, per ritornare alla tematica del tempo da lei perseguita, in accordo con la massima filosofica che vorrebbe illusorio pure esso, ci portano a pensare su quanto ce ne serve, e sarebbe parecchio, per riflettere sulla concretezza – pure essa presente, oltre a quella della fotografia – dell’apparenza del “bello”, di cui Kristina è eloquente esempio!

Giorgio Siri

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: