Attualità

La notte dell’eclissi

Che non sarebbe stata una notte facile è apparso chiaro sin da subito, le nuvole hanno in effetti reso molto difficile l’osservazione dell’eclissi. Ciononostante gli astrofili dell’Associazione Astrofili Orione sono riusciti a centrare l’obiettivo riuscendo a fotografare sia alcuni momenti della fase parziale, sia alcuni della totalità.                                                                                                                                                                   Sarà possibile quindi contribuire al “progetto longitudine”, sia al “progetto parallasse” e fare quindi vere e proprie misurazioni scientifiche.
Ma non solo la mattina si è potuto osservare un bel flash Iridium, il passaggio della
ISS, (la stazione spaziale che fino a giugno ha ospitato Samantha Cristoforetti) ed
infine poco prima dell’alba si è potuto osservare il sorgere di Venere, Marte e Giove.
Il primo appuntamento per le anteprime dei risultati delle misurazioni è per venerdì 9 ottobre all’aperitivo astronomico presso il Top Bar alle ore 18:30, nei giorni seguenti illustreremo nel dettaglio le misurazioni con una lezione-conferenza presso l’Accademia della Scienza in via dei Mille a Savona.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: