AttualitàPolitica

Cosa ci insegnano le elezioni in Portogallo

Il 4 ottobre scorso in Portogallo si sono svolte le elezioni politiche. Ha vinto le elezioni la formazione guidata da Pedro Passos Coelho (*). Malgrado non abbia raggiunto la maggioranza assoluta, quello presieduto da Coelho, tuttavia, è stato il primo governo che, pur avendo applicato le dure ricette della troika, non è stato punito dagli elettori. Anche perché il Portogallo sta uscendo dalla crisi, la disoccupazione è scesa del 5% ed il debito annuale si è dimezzato passando dal 7% al 3,5%.
La vittoria di Coelho (per niente scontata prima delle elezioni data la dura cura cui ha sottoposto il Portogallo per uscire dalla crisi) segue la recente vittoria di Tsypras in Grecia, con la disfatta della sinistra estrema di Varoufakis & c., nonchè la vittoria di Cameron in Gran Bretagna, con la disfatta del Partito Laburista e la sonora sconfitta degli euroscettici di Nigel Farage (la vicinanza con Grillo evidentemente non porta bene!). In Spagna, in vista delle elezioni politiche di dicembre, gli ultimi sondaggi danno Podemos al 15%, mentre il Partito del Presidente Consiglio Rajoy è dato stabilmente attorno al 30%, cosa che lo porterebbe ad essere nuovamente il primo partito spagnolo.
A proposito di Spagna, una di queste mattine, ascoltando la solita rubrica di lettura della stampa quotidiana, ho sentito la notizia che alcune grandi società internazionali stanno stipulando in Spagna contratti con la clausola esplicita che una vittoria di Podemos, o un suo coinvolgimento nel governo, possa essere considerata condizione automatica per la risoluzione del contratto. Se ho capito bene e questa notizia corrisponde a verità, una volta divenuta di dominio pubblico inciderà pesantemente sulla prossima campagna elettorale.
Tutto questo dimostra che la gente comincia a comprendere che la politica cosiddetta di “austerità” è l’unica in grado di far uscire i Paesi della UE dalla crisi e porre le basi per un periodo di stabilità economica controllata e duratura.
Un primo risultato, anche in Italia è stato ottenuto: oggi neppure più Salvini parla di uscire dall’Euro e nemmeno lo propone più il suo mentore economico Borghi, che pochi giorni or sono a precisa domanda ha risposto con un tormentato giro di parole dicendo che non propone di uscire dall’Euro, bensì di costruire una Europa diversa. Il cavallo di battaglia più cavalcato fino a poco tempo fa dagli euroscettici è quindi stato abbandonato dando ragione a chi definiva questa proposta una stupidità colossale, giustificabile solo se formulata da chi non conosce niente di economia e parla di cose che non conosce minimamente. Altrimenti è solo una espressione di patente malafede.
Su una cosa le critiche all’UE per come funziona oggi sono fondate: non basta la moneta unica per fare di una somma di Stati (ancora oggi sovrani e con diritto di veto) per dispiegare tutte le potenzialità dell’Unione Europea. E’ necessario, quindi, che si abbia il coraggio di sfidare l’impopolarità e passare alla fase due della costruzione degli Stati Uniti di Europa. Che si dia sostanza, cioè, alla costruzione di una vera Comunità Europea procedendo all’integrazione non solo monetaria ma, anche, politica rendendo gradualmente attuabile una comune politica fiscale, attuando una normativa comune sui diritti del lavoro e delle relazioni industriali per giungere, finalmente, ad una politica estera unica per tutta l’Europa. Per fare questo, credibilmente, occorre cedere larga parte di sovranità nazionale giungendo, persino, ad un unico esercito europeo.

(L. I.)
*) Il risultato elettorale è stato il seguente:- Partito Socialdemocratico ( il partito di Coelho – di destra) 36,8% – Partito Socialista ( sinistra moderata) 32,3% – Blocco de esquerda ( partito dei Podemos portoghesi) 10,2% – Comunisti e verdi assieme ( estrema sinistra) 8,3%

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: