Politica

Si può fare una Yalta due?

L’11 febbraio 1945 a Yalta si incontrarono Churchill, Roosevelt e Stalin, i quali decisero formalmente ed ufficialmente la nascita dell’ONU, la divisione della Germania, la costituzione del Consiglio di Sicurezza (con il diritto di veto dei Paesi fondanti). Ufficiosamente, tra le parole alate in cui si parlava di autodeterminazione dei popoli ecc., si decisero le reciproche sfere di influenza. Ciò ebbe come conseguenza prima che l’Europa sarebbe stata divisa fra i Paesi aderenti alla NATO (North Atlantic Treaty Organizzativo ) che sarebbe stata costituita nel 1949 e Paesi aderenti al Patto di Varsavia (Trattato di amicizia e cooperazione), siglato a Varsavia nel 1955 sotto l’impulso di Nikita Krusciov. Si ricordi che nel 1955 era da poco terminata la “guerra in Corea”. Questa guerra scoppiò nel1950 a causa dell’invasione della Corea del Sud da parte dell’esercito nordcoreano. L’invasione determinò una rapida risposta dell’ONU: su mandato ONU, gli Stati Uniti, affiancati da altri 17 paesi, intervennero militarmente nel tentativo di liberare il paese occupato e, alla fine, rovesciare il governo nordcoreano. Guerra terminata senza vincitori e vinti con la firma di un armistizio provvisorio, ancora oggi in vigore, che individuava il confine fra le due Coree in una linea ideale situata al 18 parallelo. Fu la prima prova tecnica (e militarmente attiva) di funzionamento del cosiddetto “Patto atlantico” di cui la NATO, era il braccio armato per l’area mediterranea.
La Germania era stata smembrata in varie parti ognuna sotto l’influenza di una delle potenze vincitrici della seconda guerra mondiale. Le parti sotto l’influenza occidentale costituirono la Germania dell’ovest, mentre la parte sotto l’influenza russa costituì la Repubblica Democratica Tedesca (Deutsche Demokratische Republik-DDR). Anche l’ex Capitale “Berlino” era divisa in due parti, Berlino est e Berlino ovest. Nel 1961 fu costruito un sistema di fortificazioni formato da due muri di cemento armato separati da un striscia di terra di nessuno (il cosiddetto “muro di Berlino” che fu distrutto nel 1989) dove trovarono la morte centinaia di persone che cercavano di passare da Berlino est a Berlino ovest.
Qualche giorno fa, parlando all’assemblea dell’ONU, Putin ha proposto, in termini sostanziali, una conferenza (segnatamente con gli USA), che dalla stampa è stata definita “una nuova Yalta”. La proposta di Putin non ha trovato grandi riscontri nei suoi interlocutori e la netta ostilità da parte di Obama, il quale ha una visione “quacchera” della politica estera. Come sempre Putin fa una proposta e successivamente pone in atto comportamenti come se la sua proposta fossa stata accolta. Di fatto sta intervenendo in Siria bombardando equamente le postazioni dell’ISIS e alcune dei ribelli anti Assad “non ISIS”. Operazione effettuata da Putin in perfetto accordo soprattutto con IRAN ed Hezbollah.
La politica estera di Putin è quella di mettere gli altri di fronte a fatti compiuti, sfidandoli a reagire, nella consapevolezza che gli elettori americani, inglesi, italiani e tedeschi non approverebbero mai un intervento armato anti Russia nella lontana Siria.
Ciò che divide Obama da Putin, in Siria, è l’atteggiamento nei confronti di Assad. Obama ritiene che Assad sia un criminale responsabile di crimini atroci nei confronti della popolazione siriana e, conseguentemente, ritiene immorale che Assad rimanga al potere in Siria. Putin, pragmaticamente, ritiene che senza coinvolgere l’esercito siriano sia impossibile battere l’ISIS, tanto più che le milizie anti Assad sono in larga parte formate da sunniti e, quindi, pregiudizialmente contrarie all’Iran e ad Hezbollah che sono i principali alleati di Putin. Come ha scritto Paolo Mieli, la posizione di Obama su Assad ha la stessa valenza se, durante l’assedio di Stalingrado Churchill, invece che aiutare i russi, avesse tifato per Von Paulus, in odio a Stalin che quanto a crimini nei confronti del proprio popolo non era certo secondo ad Assad.
Putin, al contrario di Obama, ritiene (e secondo me con molta ragione) che il problema della Siria sia resolubile solamente con un coinvolgimento dell’esercito fedele ad Assad, creando le condizioni per un “dopo Assad” non traumatico come il dopo Saddam in Iraq e che tenga conto delle diversità religiose esistenti in quelle zone fra sauditi, schiiti, alawiti ecc.
Per questi motivi oggi non si può pensare ad una nuova conferenza di Yalta perchè mancano alcune condizioni di base, presenti nel 1945, quando si incontrarono i vincitori della guerra, mentre oggi, non ha ancora vinto nessuno. Inoltre le odierne condizioni economiche sia per l’ubicazione delle fonti energetiche (basti pensare al petrolio e all’influenza dei Paesi arabi), i livelli di sviluppo (si pensi alla Cina e all’India), non consentono di poter disporre della forza militare e delle risorse economiche che consentirono nel dopoguerra di dare concretezza alle divisioni del mondo previste dalla conferenza di Yalta. Si pensi al piano Marshall, cui ha fatto contraltare il COMECOM per i Paesi del Patto di Varsavia.
Oggi occorre negoziare con Putin in modo aperto e pragmatico, tenendo conto degli interessi vitali della Russia in Europa e nel medio oriente. E, soprattutto dando all’Europa una capacità di politica estera comune che sia credibile.

(Lorenzo Ivaldo)
* [Ricordo che Hezbollah nacque nel 1982 come milizia durante il conflitto del Libano meridionale (1982-2000). I suoi leader si ispirano all’Ayatollah Khomeini, e le sue forze militari sono state addestrate e organizzate da un contingente del Corpo delle Guardie della rivoluzione islamica (fonte Wikipedia)]

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: