Cultura e Musica

Ceramiche, le fantasie di Roberto Giannotti

ceramica giannottiNel contesto della manifestazione “Salto dell’acciuga” , tenutasi a Laigueglia, alla sua quarta edizione, nei giorni 10 ed 11 ottobre, abbiamo potuto visitare un’interessante esposizione di ceramiche di Roberto Giannotti.Architetto, designer, giornalista, funzionario della comunicazione presso il Comune di Savona, Giannotti, con discrezione, senza clamori, forse per sua scelta, presenta un profilo artistico di tutto rilievo! Ha comunque partecipato ad importanti eventi artistici, sia per il design che per la ceramica, con una presenza alla Biennale di Venezia, o con la realizzazione di un’originale ritratto scultoreo di Papa Giovanni XXIII, per la Pieve di San Pietro di Feletto, in provincia di Treviso!Nei giorni del “Salto dell’acciuga”, ha presentato suoi lavori ispirati al mondo marino, dove la parte figurativa principale viene ovviamente presa dal pesce azzurro simbolo degli abitatori del nostro Mar Ligure ma i suoi lavori riflettono ovviamente qualcosa di più della semplice rappresentazione ittica. Il mondo marino di Giannotti riflette le più raffinate espressioni della Ceramica di Albisola, un apporto di fantasia e di capacità evocativa che lo rende irresistibilmente attraente, un soffio di qualcosa di profondamente ligure che va però molto oltre i limiti locali e di cui le ceramiche esposte non costituiscono che una parte. Giannotti possiede un efficace e sapiente uso del colore, un’espressività tipica e personale, una vena descrittiva vivace ed area, che si riscontra nei flussi di pesci che popolano i suoi piatti, immersi nell’azzurro di una distesa di “colore di mare” ed un gusto fantastico e “baroccheggiante” di raffigurare pesci o meglio, “forme” di pesci, tratte da pesci “reali” ma che evolvono verso un bestiario mitico e favoloso, situato più nella dimensione immaginaria e cromatica dell’arte che nei fondali marini, come testimoniava, ad esempio, un granchio ammiccante ed immerso in colori rutilanti!Giannotti si dimostra, con ciò, artista di grande personalità ed originalità, che può essere considerato tra più maestri della ceramica di Albisola. L’artista ci ha mostrato anche la “riedizione” di un piatto da portata risalente all’epoca romana, dove le vivande venivano poste in corrispondenza della figura che le rappresentava. Da esso egli ha tratto un’ accattivante ed espressiva opera.Le cotture delle ceramiche sono state eseguite presso la bottega di Marcello Mannuzza a Celle Ligure. Completavano l’esposizione alcune divertenti, azzeccate e garbate vignette, sempre di ispirazione ittica, che ci rammentano il passato di vignettista di Giannotti, che in tale qualità ha collaborato con testate primarie della stampa nazionale.

Giorgio Siri

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: