Poesie

L’amore ai tempi della crisi

Per tutti quelli che hanno acquisito potere e lo usano su di te.
Per quelli che hanno una posizione solida a patto di rimanere crudeli.
Ai tagliatori di teste.
A tutti coloro che ti costringono a guerre che non vuoi.
Per chi guarda con disprezzo senza sapere nulla.
Per chi decide per te e ti ribalta la vita.
Per chi entra sfondando le porte.
Per quei datori di lavoro che nel momento in cui diventano tuoi titolari si siedono sul trono della tua esistenza, della tua famiglia, e, caspita, a volte, del tuo intero destino.
A chi fa brandelli dei tuoi progetti e a chi non permette ai sogni neanche di rimanere tali.
Che poi, le persone perbene che cosa chiedono alla vita?
Il riconoscimento di sé come individuo, la dignità di essere pensante, il rimanere persona prima di qualsiasi ruolo o mestiere.
Ma anche un po’ d’amore. Di quello c’è sempre richiesta.
Esiste. Come la fame, come la sete.
Sono questi gli ingredienti della serenità, i pilastri della forza che serve in una vita che non è mai facile.
Ma sono anche le basi del buon lavoro e della produttività.
Più siamo riconoscenti a chi ci fa lavorare, più lo facciamo con passione.
E anche con amore. E chi ama non tradisce, non trama nell’ombra, ma insegue il successo.
Ma è cosi difficile da capire?
Facile dare colpa alla crisi. Riduttivo. A tratti spietato.
Non servi più, sei inutile, un peso, un fastidio.
Le conseguenze sulla persona non sono individuabili, né quantificabili se non comprovate, dimostrate, verificate. Stai male ma devi provarlo.
Le umiliazioni non si vedono, le battaglie sostenute non affiorano se non in modo subdolo, sotto altre vesti imputabili a ferite non rimarginate.
Non esiste un tribunale dell’anima offesa e se pure si facesse un tentativo cosa porterebbe? Un risarcimento in denaro. Un vero peccato che l’anima non si nutra di quello né riesca a risanarsi con un bonifico.
Inutile negarlo. Esistono persone terribili.
E più acquistano potere e più perdono ogni parvenza di umanità.
Più infieriscono, più acquistano energia.
Alla continua ricerca di conferme della loro forza e del loro dominio.
Soddisfatti e tronfi di essere temuti… io lo sarei se fossi molto amata.
Quali orrori.
Chi è capace di amore non lo fa.
Chi conosce al di là degli occhi lo sa.
Chi non sa riconoscere le persone è capace pure di tornare a casa e dire “ ti amo” a moglie e figli.
No , cari miei. Chi non sa amare l’amore non lo puo’ insegnare.
Chi pone il denaro sull’altare delle priorità non è degno di slanci.
Vergogna. Ma anche questo è un sentimento nobile che forse non provano.
Allontanati da chi ti vuole togliere il sonno, da chi ti fa sentire inutile, da chi ti fa piangere.
Scappa da chi ti costringe ad abbassare gli occhi per colpe che non hai commesso.
Da chi non ti permette di parlare.
Da chi distrugge la tua immagine di fronte agli occhi di tuo figlio.
Perché non esiste altro rimedio.
Un posto di reclusione per questi assassini ? Non c’è.
Girano in mezzo a noi sorridendo.
Giudici che sanno vedere oltre le prove?
Nessuno.
Ma possiamo farlo noi, per noi.
Chi riconosce l’amore in se stesso ha il dovere di allontanarsi da chi ne è privo.
In qualsiasi ambito.
Il vero coraggio non è restare, è andarsene.
La fuga al posto del combattimento.
Lasciare queste persone alla solitudine che hanno scelto.
Andare via. Invertire la rotta.
Il mondo è possibilità. Cercala.
E se sai amare non cambiare mai.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: