Attualità

Ad Expo la Liguria incontra la Russia

In chiusura di Expo un’eccellenza ligure si presenta nientemeno che nello scenografico padiglione Russo. Può sembrare un’idea bizzarra ma, in realtà,  tutto nasce dagli stretti legami, a cominciare dalla seconda metà del XIX secolo, tra la nostra Riviera, in particolare quella dell’estremo Ponente, con  l’aristocrazia di quel paese.  Sanremo, come stazione climatica  all’epoca molto alla moda, fra gli illustri ospiti e i molti aristocratici contava anche la zarina Marija Alexandrovna, che ne fece la sua seconda dimora,  e sono proprio abiti, cimeli, fotografie originali, appartenuti a questi personaggi  e provenienti dal Museo della Moda e del Profumo Daphné di Sanremo ad essere esposti a Milano.

La famiglia Borsotto, fondatrice del brand Daphné Sanremo, non solo ha raccolto con passione e costanza nel corso degli anni una straordinaria documentazione, a testimonianza dell’età d’oro della città dei fiori,  ma ha anche creato una speciale collezione di foulard, dedicati alla “Rosa Romanov”. Questo magnifico fiore, ibridato dal noto ibridatore Antonio Marchese, campeggia sulla seta con le sue sfumature rosso-aranciate, e può anche essere ammirato dal vivo, portando  nello spazio del padiglione Russo un profumo di Liguria.

Per completare l’atmosfera, i visitatori hanno potuto degustare tipici vini del Ponente ligure, Vermentino e Rossese, prodotti  da MAIXEI, uno dei pochi  consorzi che utilizza ancora la tecnica tradizionale  del 100% uve mono vitigno.

Il progetto, curato da Barbara e Monica Borsotto, è stato reso possibile dall’interesse e dalla disponibilità del console Generale della Russia Aleksander Nurizade.

Claudia Sugliano         

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: