Attualità

E’ così difficile tagliare la spesa pubblica ??

tagli spesa pubblica

Anche questo anno la legge di stabilità, malgrado contenga importanti novità specie in ordine alla soppressione di alcune imposte, specie quelle sulla prima casa, non contiene significativi tagli della spesa corrente limitando questo contenimento a pochi miliardi di Euro frutto di tagli cosiddetti “lineari”.
Il Governo Letta, precedentemente, aveva nominato il dott. Cottarelli affinché presentasse una proposta di revisione della spesa pubblica che prevedesse un taglio di alcune decine di miliardi entro il 2017. Cottarelli presentò proposte che non furono ritenute praticabili. Chi lo sostituì si arrabatta senza andare oltre alcuni tagli lineari che, ovviamente non possono essere molto significativi pensa l’inceppamento della macchina amministrativa statale. Vediamo di individuare, per grandi linee, quali sono i problemi che affronta chi deve proporre tagli alla spesa pubblica.
Nel 2014 lo Stato italiano ha speso circa 753 miliardi di cui le voci principali sono rappresentate da:
– 311 miliardi di spesa per prestazioni sociali di cui circa 207 sono costituiti dalla spesa pensionistica;
– 166 miliardi sono la spesa per gli stipendi dei dipendenti pubblici;
– 86 miliardi sono la spesa per interessi dovuti ai sottoscrittori del nostro debito pubblico;
– 90 miliardi, circa, è la spesa necessaria a far funzionare la macchina dello Stato.
Occorre subito dire che con lo spread sotto i 100 punti è una spesa che non è destinata a calare nel prossimo anno in modo significativo, perché i tassi oggi sono molto bassi [in alcune emissioni addirittura negativi] e non è pensabile possano ulteriormente diminuire.
Anche la spesa per prestazioni sociali è incomprimibile perché per due terzi si tratta di spesa per pensioni. Ragionevolmente si può operare, con una certa efficacia, sia sulla spesa per i salari dei dipendenti pubblici e sulla spesa per il funzionamento della pubblica amministrazione. Però occorre tenere presenti i costi sociali che dette operazioni comportano. In effetti i dipendenti pubblici sono,oggi, meno di 3 milioni e sono stati ridotti negli ultimi 5 anni del 7% (circa 260.000 unità). Ma, come scrive Ichino, il risparmio è solo virtuale perché il risparmio degli stipendi si traduce in maggior costo delle spese per pensioni.
Il vero problema è quello di comprimere il monte salari bloccando il turn over, come avvenuto in questi anni, purché ciò avvenga non a discapito dei servizi.
Voglio dire che occorre agire sulla produttività della pubblica amministrazione in modo che nel corso dei prossimi dieci anni si possa avere una pubblica amministrazione più efficiente e con meno addetti.
Faccio un esempio: la maggior parte dei cittadini maggiorenni di questo Stato ha in tasca tre documenti identificativi: la carta di identità rilasciata dal Comune di residenza, la patente rilasciata dalla Motorizzazione civile e la tessera sanitaria rilasciata dall’ASL. Ognuno di questi documenti contiene una striscia che può contenere un’enorme numero di dati; quindi in un solo documento potrebbe essere contenuto tutto il data base degli altri due ed aggiungere, anche, i dati del casellario giudiziario (il codice fiscale c’è già sulla tessera sanitaria), i titoli di studio e chi più ne ha più ne metta.
Questo significherebbe da un lato che l’aggiornamento dei dati sarebbe velocissimo ed aggiornerebbe, in automatico, tutti gli archivi dati contenuti nel documento.
Inoltre basterebbe dotare tutti gli Uffici e tutte le forze di polizia di un lettore di dati per avere, in tempo reale, tutta la scheda conoscitiva di un cittadino, compreso il fatto che sia soggetto a misure di restrizione personale, ecc.. Per fare questo non ci vuole molto, occorre soltanto una rivoluzione informatica il cui prezzo sarebbe spalmabile su più anni e non sarebbe onerosissimo. Certo in uno Stato il cui la Carta di identità e ancora su supporto cartaceo, il casellario giudiziario gira su un supporto informatico che ha oltre 35 anni di età (è scritto in cobol 1985), i sistemi informatici delle varie amministrazioni non si parlano fra loro e gli archivi non sono trasferibili da un sistema all’altro ma devono essere riscritti, può sembrare un progetto velleitario. Il problema è che le varie amministrazioni sono gelose del loro patrimonio di dati e resistono pervicacemente alla condivisione e ai cambiamenti che detta condivisione comporta. A questo proposito ricordo che quando ero in ACTS, avevamo elaborato un progetto con il Comune di Savona per collegare il nostro centro elaborazione dati con l’ufficio anagrafe, per rilevare i dati anagrafici dei nostri abbonati (che erano circa 15.000) in modo da poter ed esercitare il controllo sull’evasione degli abbonamenti in modo efficace. Questo “progetto pilota” con Savona, avrebbe dovuto poi essere esteso a tutti i Comuni serviti da ACTS (oggi si chiama TPL). Il suddetto “progetto pilota” era in dirittura di arrivo quando lasciai l’Azienda per potermi dedicare a tempo pieno all’incarico di Vice Procuratore Onorario presso la Procura della Repubblica di Savona. Recentemente sono stato in biglietteria per sottoscrivere l’abbonamento della Collaboratrice famigliare che lavora presso la mia abitazione ed ho visto che siamo tornati al metodo manuale per la registrazione dei dati su supporto cartaceo. Nel complimentarmi per questo salto di qualità nella più sfrenata modernità, ho capito che, forse, le cose semplici che ho detto prima appartengono al regno dell’utopia e la spending review (come si dice oggi), non si può realizzare.

Lorenzo Ivaldo

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: