Cultura e Musica

‘Il labbro della Lady’ conclude la stagione autunnale dell’Opera Giocosa

labbro lady opera giocosa

La mattina del 24 novembre, al teatro Chiabrera, per: ‘Il labbro della Lady’, di Carlo Galante, su libretto di Stefano Valanzuolo, ad accogliere il pubblico alle 11.45 c’era anche il compositore, che si è prestato volentieri ad alcune spiegazioni sul suo lavoro, per meglio ascoltare l’opera, usando un linguaggio adatto ad un pubblico di giovani ed interessati studenti. Per la trama, tanto moderna, la parola è passata invece a Gustavo Malvezzi, docente di Drammaturgia musicale, che con Barbara Catellani cura il Progetto Scuole. Il direttore artistico dell’Opera Giocosa, Giovanni Di Stefano, nel finale del suo intervento, si è indirizzato invece ad un invito ad applaudire il tenore, Mirko Guadagnini, che per correttezza professionale si presentava ugualmente sul palco, anche se accusava stanchezza dopo il primo spettacolo delle ore 10. Il titolo infatti dura un’ora e un quarto, non ha intervalli, e la sua è la parte principale.
Questo lavoro, che ottempera alle richieste ministeriali di allestire opere di autori contemporanei, è stato commissionato dalla Fondazione del Teatro comunale di Modena, e la prima rappresentazione assoluta è andata in scena il 21 novembre al Teatro comunale Luciano Pavarotti; coproduzione della Fondazione modenese e del Teatro dell’Opera Giocosa di Savona.
Liberamente tratto dal racconto ‘Il caso di Lady Sannox’ di Arthur Conan Doyle, brava Francesca Tassinari come ‘Lady Petula’, Guadagnini è stato ‘Narciso’, Matteo Ferrara ‘Lord Sannox’ e l’attore Tony Contartese il giornalista-voce narrante. Il Maestro Carlo Boccadoro ha diretto l’Ensemble della Fondazione comunale di Modena, costumi di Massimo Carlotto e luci di Andrea Ricci.
Molto valida sia la regia che l’ideazione scenica di Stefania Panighini: tre postazioni staccate, ciascuna ambientata secondo le caratteristiche dell’occupante: piante, fiori e attrezzi da giardinaggio per Narciso, il ricco chirurgo plastico di fama, amante di Lady Petula, con la quale progetta fuga e matrimonio; una grande mela addentata come poltrona (nella foto di Luigi Cerati) per la donna vanitosa, preoccupata solo di passare da un amante all’altro, e accaparrarsi i servizi gratuiti di un
medico estetico, quando le prime rughe compariranno; l’interno di un circolo inglese per Lord Sannox, che scopre ben presto che la moglie lo tradisce e lo tradisce proprio con Narciso, El prestigiador, e organizza una trappola.
E il momento della trappola costituisce proprio il bello dell’opera, con la musica che crea suspense
finché la vendetta del marito non si compie: sotto false vesti e con la moglie legata, drogata, e coperta da un lenzuolo, induce il chirurgo a gonfiare le labbra di lei, di più, di più, finché non scoppiano!
Ma la trama altro non è che un’invenzione del giornalista, alla sinistra del palco, davanti alle altre pedane, in un ambiente che riproduce la sua postazione in una redazione, e che attinge da un fatto di cronaca per costruire un romanzo che possa essere lo scoop di prima pagina: bellissimo il momento iniziale, in cui i tre cantanti lo avvicinano curiosi, proprio a sottolineare che sono il prodotto della sua fantasia. La vivacità di Contartese è fondamentale per quest’opera: deve contenere i tempi (e supplire ad alcuni dettami della trama), e qua e là rimettere a posto le cose, come quando, per velocizzare il tutto, Petula scaglia l’omaggio floreale di Narciso ai piedi del marito. Contartese non ha l’ugola d’oro, deve ‘solo’ fare l’attore (nella vita è anche regista e insegnante di teatro), e lo fa con brio e destrezza, catturando anche l’attenzione nel momento clou già citato, dove gioca con un palloncino che scoppierà in contemporanea con le labbra della Lady (e ci permette di cogliere ‘l’attimo’).
Questo è stato l’ultimo titolo della stagione autunnale dell’Opera Giocosa, iniziata con il: ‘Così fan tutte’ di Wolfgang Amadeus Mozart di ottobre, il cui successo ci piace rimarcare ancora, mentre diamo a tutti i melomani l’appuntamento al prossimo anno.

Foto di Luigi Cerati.

Laura Sergi

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: