Cultura e Musica

L’anno inizia bene al Teatro Carlo Felice

image

Il Concerto che apre il nuovo anno al Teatro Felice immerge nell’atmosfera magica e sognante del cinema, in particolare di un grande, indimenticato maestro, come Federico Fellini. Alle 16 del 1 gennaio 2016, infatti, il Maestro Marcello Rota dirigerà l’orchestra del teatro genovese, accompagnata dal coro, in un concerto dedicato a Nino Rota e comprendente le sue più famose colonne sonore. La celebrità di uno dei maggiori compositori italiani del 900 è infatti legata soprattutto al cinema ed in particolare al suo stretto rapporto con Fellini. Indimenticabili rimangono il Tema di Gelsomina e la Danza della Strada, che danno l’avvio al pomeriggio musicale, insieme alle musiche de I Vitelloni, de La Dolce Vita, de Le Notti di Cabiria, di Amarcord. Del programma fanno parte anche musiche dal Gattopardo di Luchino Visconti, come Valzer Verdi e Valzer del Commiato, da Romeo e Giulietta di Franco Zeffirelli. Di quest’ultimo film si ricorda il tema d’amore con testi di Elsa Morante, per cui il compositore meritò il Nastro d’Argento. A conclusione del concerto risuoneranno gli indimenticabili temi del Padrino e del Padrino parte II di Francis Ford Coppola.
Sabato 2 e domenica 3 gennaio continuano le repliche de La Bohème di Giacomo Puccini, uno fra i titoli più rappresentati e più amati dal pubblico. Quest’anno la versione proposta dal Carlo Felice è quella nell’allestimento della Fondazione Festival Pucciniano, con la regia di un celebre regista italiano, Ettore Scola. “Bohème è un’opera talmente perfetta che si può solo rovinarla. Ogni regista pensa di lasciare un’impronta ed è un errore perché Puccini ha previsto già tutto”. In queste acute osservazioni di Scola c’è l’approccio con cui il maestro ha affrontato l’opera, in una messa in scena incisiva, piena di colore e “tradizionale”, che immerge alla perfezione nell’atmosfera della Parigi bohèmienne di quegli anni ormai lontani, senza nulla concedere alle mode e alle più fantasiose trasposizioni temporali. Lasciando “parlare” il capolavoro pucciniano con i suoi personaggi sfaccettati e pieni di vita, con il rapido cambio di scene e di situazioni, il regista si è affidato anche alla bravura degli interpreti, che nelle ultime recite ha visto alternarsi un giovane, ottimo cast kazako, con Aigul Nyazova come Mimì, Saltanat Akhmetova come Musetta, Medet Chotobayev nei panni di Rodolfo e Talgat Mussabayev come Marcello.
Claudia Sugliano
Concerto di capodanno- direttore Marcello Rota, venerdì 1 gennaio ore 16
La Bohème domani sabato 2 gennaio, ore 15,30
Domenica 3 gennaio ore 15,30
Claudia Sugliano

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: