Cultura e Musica

Bettinelli, Romani, Santoiemma, trio da perdere la testa, fino al 6 gennaio a Pozzo Garitta di Albissola Marina

image

Espongono ad Albissola, Pozzo Garitta, Circolo degli Artisti, sino al 6 gennaio prossimo, le ceramiste Cristina Bettinelli, Laura Romano, Anna Santoiemma; “Emozioni sospese” è il titolo della rassegna e trovarsi dinanzi alle opere di tre artiste così interessanti, che hanno scelto di esporre insieme, rappresenta un’emozione vera e propria. Le tre artiste possiedono uno stile personale, un’impronta particolare, un messaggio da comunicare, da parte di ognuna di loro, altrettanto forte, sentito, convinto e convincente. Occorre non farsi distrarre e catturare da una anziché dall’altra per poter cogliere, nei loro lavori, anche insieme, la notevole carica espressiva che ne proviene.
La tormentata problematicità “materica” della Bettinelli può risultare apparentemente contrastante con le coppie, le tante coppie di innamorati della Romano, in cui sembra prevalere un sentimento schietto ed immediato anche se forse non è precisamente così. La Santoiemma preferisce, sempre in apparenza, ripiegare verso un’introspezione pensosa, verso un simbolismo di maternità e di vita nascente o di una femminilità pregnante, sentita in modo profondo in tutti i suoi risvolti.
Dipende realmente dal punto di vista perché potremmo anche trovare, nel modo di trattare la terracotta proprio della Bettinelli, che sembra amare anche l’estrinsecazione grezza, la materia in sé, una plasticità corposa, fortemente espressiva, a scapito della poeticità che forse l’autrice rincorre. Oppure potremmo denotare, nell’immediatezza sentimentale della Romano, qualcosa della fisicità, della comunicatività, del colore vivido dei personaggi della pittura di Guttuso e nelle figure della Santoiemma un respiro di scultura antica, di immagini talvolta ieratiche, dei tratti che evocano affinità con Arturo Martini.
Cambiamo di nuovo prospettiva: la Bettinelli è figlia di un compositore, noto agli appassionati, Bruno Bettinelli, seppure la musica contemporanea, e forse di più l’arte contemporanea, non siano tuttora riuscite ad affrancarsi da molti pregiudizi; comunque l’artista sembra aver ereditato, dall’esperienza musicale paterna, la complessità di linguaggio, l’organicità dell’idea, le esperienze anche ardite, seppure in un contesto leggibile se non, a volte, propriamente descrittivo – le vele, la spiaggia, il mare, gli alberi – ; le coppie della Romano presentano quel tanto di “naif”, quella nota di tenerezza, che qualcuno ha messo in relazione con la poesia di un Prévert e che, effettivamente, sono ispirate da un componimento poetico caro all’autrice; nelle opere della Santoiemma è presente un richiamo ad espressioni trasfigurate, nelle figure umane, che possiamo trovare nel Liberty o nell’Art Decò, come, similmente, colorazioni lucide ed appariscenti o vetrose e trasparenti di taluni suoi lavori.
Oppure potremmo trovare altrettanta sensualità, in talune delle coppie della Romano, di certe immagini femminili della Santoiemma, mentre la Bettinelli assembla, nel vero senso della parola, ricordi di persone a lei care…
Insieme le tre artiste, nonostante le differenze, riescono a rappresentare, coralmente, in un volo dall’interiorità meditativa all’esternazione anche intrigante, la poesia e la materia, le tenerezza e la concretezza, la sensualità e la riflessione, il paesaggio interiore ed il paesaggio esteriore, passando dalle introspezioni della Bettinelli sulla musica, vere composizioni di virtuosistiche plasticità e di poesia materica, alla coppia di amanti, questa volta della Santoiemma, attraversando il “fuori programma” della Romano che propone le sue tele geometriche, ispirate un po’ a Mondrian, un po’ forse a Munari, visto che servirebbero pure da arredamento, e comunque geniali ed originali, che introducono elementi di decorazione a”lustrino”e motivi da tappezzeria, dal disegno anche complesso, da broccato, nelle complicate elaborazioni geometriche di così insigne derivazione.
L’esposizione delle tre artiste può anche ricordare una scuola, come quella che effettivamente tiene la Romano, dove è possibile riscontrare le possibilità espressive della ceramica, usata in modo magistrale dalle tre che, per tale loro rassegna, hanno scelto il titolo di un’opera della Santoiemma; “Emozione sospesa” è la rappresentazione, nei modi intimi, lirici e ad un tempo compostamente scultorei, che impariamo a leggere nelle tipicità espressive dell’autrice, di una donna incinta, in attesa, l’attesa fondamentale e più sentita, per la femminilità ed anche per la vita, per il venire alla vita. Anche la creazione artistica, nel mistero e nell’attesa di ciò che proverrà dall’ispirazione, è una “emozione sospesa”!
Giorgio Siri

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: