Cultura e Musica

La Mongolia al Carlo Felice

di Claudia Sugliano

E’ andato in scena nei giorni scorsi a Genova Gengis Khan, uno spettacolo davvero coinvolgente, che conferma la felice stagione del balletto al Carlo Felice.

Il palcoscenico genovese è stato l’unica tappa italiana per 3 spettacoli della Compagnia Accademica di Danza Nazionale della Mongolia che, fondata nel 1945, ha contribuito non poco a fare conoscere la cultura mongola, con un repertorio di danze religioso-rituali, sia sciamaniche che buddiste, ed altre storico-militari e nazionali –folcloristiche. Proprio queste mettono in evidenza le peculiarità delle diverse etnie di un paese ancora per molti versi misterioso, dove la popolazione ha sempre vissuto in armoniosa simbiosi con l’ambiente. Ad accompagnare la danza erano momenti di musica e di canto, in un’unica, ricchissima espressione artistica. Davvero insoliti gli strumenti tradizionali, il liuto a 3 corde (shanz), la cetra (ioochin), a 14 corde doppie, che vengono percosse con due archetti e può essere suonata esclusivamente dalle donne, la cetra su tavola (ialaga), la viella (khuur), a cassa cilindrica e archetto imprigionato tra le due corde, la viella a testa di cavallo (morin khuur), oltre a strumenti a fiato quali il flauto.

Lo spettacolo aveva un ritmo incalzante, in cui le diverse coreografie venivano esaltate da suggestivi fondali, che richiamavano l’immensità dei cieli e dei paesaggi della Mongolia, e i temi ispiratori delle danze, da Temujin, il Gengis Khan dei Mongoli, ai cavalli della steppa, al falcone, uccello del vento, sacro per i Mongoli di religiose sciamanica.

All’evocazione di momenti storici, come nel quadro dedicato agli Unni, antenati di questo popolo di tradizione nomade, oppure nell’altro ispirato agli stendardi di guerra di Gengis Khan, che aprivano e chiudevano lo spettacolo, si alternavano danze popolari. Fra queste, particolarmente suggestive erano quella tradizionale di gruppo, in cui i ballerini utilizzano principalmente la parte superiore del corpo, e la danza con i sonagli, dedicata all’usanza delle donne di fabbricare giocattoli sonori.

Spettacolo nello spettacolo sono apparsi i meravigliosi abiti tradizionali in seta, pelle e pelliccia, dagli sgargianti colori, accostati con audacia e raffinatezza, insieme ai costumi d’epoca della Guardia di Ferro di Gengis Khan, ricostruiti in maniera perfetta. Originalissime le acconciature femminili, con i capelli raccolti in due grosse code piatte ai lati della testa, tenuti insieme da un’intelaiatura di legno e da borchie metalliche. Non a caso il balletto Khatad era dedicato alle regine della corte del Grande Khan, che nel XIII secolo colpirono il monaco missionario e viaggiatore Giovanni da Pian del Carpine con le loro esotiche, complesse acconciature.

Alla straordinaria spettacolarità e vivacità delle coreografie di Sevijdin Sukhbaatar non sono certo estranei i suoi studi a Mosca con il grande coreografo russo Igor Moiseev.

4 gengis khan 15 gengis khan

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: