Cultura e Musica

‘E surpreise de’n majezzu’ al teatro Don Bosco di Savona questo fine settimana

di Laura Sergi

Continuano gli appuntamenti della sedicesima rassegna del teatro Don Bosco di via Piave, a Savona. Questo fine settimana calcherà le scene la compagnia Sad di Genova, impegnata in un testo di autori vari: ‘E surpreise de’n majezzu’, un gruppo che il pubblico degli ex Salesiani già conosce e apprezza, perché presente anche in passato nei calendari del direttore artistico Don Giovanni Margara. In particolare, a chi scrive, piace ricordare gli attori in: ‘Ma poi m’addescio!’ di Bruno Peytrignet, un testo veramente inconsueto, dove il protagonista dovrà subire addirittura un processo nell’Aldilà, per colpa dell’odiata suocera, con un avvocato difensore che avrà ben poco da obiettare, e finirà con l’appellarsi alla clemenza della corte!

Il testo di questo week-end sarà incentrato invece su una donna molto autoritaria, abituata a comandare e ad essere obbedita all’istante. Però la signora Camilla ha appena scoperto di essere stata imbrogliata dal genero: prima delle nozze con la figlia Romilda le si era dimostrato succube, mentre ora è ben felice di poter svelare la sua vera personalità. Un brutto colpo per la suocera, che non vuole nessuno attorno a sé che le possa tener testa.

Per caso, scopre in qual modo potrebbe far annullare le nozze. Il genero, più vecchio di Romilda, aveva avuto un’avventura vent’anni prima, in una notte di tempesta, su un treno diretto a Roma. La donna è rimasta sconosciuta e misteriosa, ma lui ricorda ancora in che giorno ebbe luogo quell’avventura… Camilla approfitterà del fatto che la figlia sia nata esattamente nove mesi dopo, e cercherà di impersonare quella sconosciuta: una tegola sul capo di Amilcare, che crederà di aver sposato la propria figlia!

La rappresentazione di sabato 23 inizierà alle ore 21, domenica 24 alle 16.

Gli appuntamenti della rassegna, per il mese di gennaio, terminano qui, ma fuori calendario c’è un evento programmato per sabato 30: ‘Lettere di un alpino’. In teatro si leggeranno le missive spedite da un ufficiale savonese alla fidanzata, mentre è impegnato nella Campagna di Russia (1942). A far da contraltare alle parole che ci trasporteranno in un mondo pieno di dolore, ma tuttavia ricco di calda umanità, ci sarà la Corale Alpina savonese che allieterà il pubblico con i canti della tradizione

Inizio alle ore 21, ingresso libero (nella foto, la compagnia Sad in un vecchio titolo di repertorio).

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: