Attualità

Marò: il Gonfalone della Regione Liguria porterà un fiocco giallo

di Redazione

E’ stato approvato  l’ordine del giorno presentato dal Capogruppo di Forza Italia in Regione Liguria, Angelo Vaccarezza, per inserire un fiocco giallo all’interno del Gonfalone della Regione Liguria in segno di solidarietà ai due fucilieri di Marina Salvatore Girone e Massimiliano Latorre; lo stesso fiocco che il capogruppo indossa in ogni sua apparizione pubblica e durante le sedute del Consiglio Regionale, che gli ha fatto guadagnare la tessera onoraria del Gruppo Nazionale Leone di San Marco.
La vicenda dei due militari è, purtroppo, fin dagli inizi ben nota a tutti. Ormai da tre anni e mezzo i due sergenti Girone e Latorre sono ingiustamente accusati di omicidio e sono, di fatto, tenuti arbitrariamente prigionieri dallo Stato indiano.
Quest’ultima circostanza, più di tutte, appare assolutamente inaccettabile, anche alla luce delle ultime vicende relative alle verifiche balistiche sui proiettili, che non sarebbero compatibili con quelli utilizzati dalle armi in dotazione alla Marina. Notizia quasi immediatamente messa da parte, si spera per un deciso e più incisivo risultato delle indagini.
“Questa è una nuova manifestazione di sostegno e vicinanza a due nostri compatrioti – ha spiegato Vaccarezza – credo che molti ricorderanno anche lo striscione appeso fuori del Palazzo della Provincia di Savona, rimosso da mano ignota ma non troppo, il giorno dopo della fine del mio mandato da Presidente. Inserire il fiocco giallo nel gonfalone è un messaggio di solidarietà nei confronti di due militari italiani, due servitori dello Stato, privati unilateralmente dall’India della loro libertà personale senza che sia stata  provata, nei loro riguardi, alcuna colpa in un procedimento giudiziario assolutamente imparziale, anzi emergendo nel corso del tempo sempre  maggiori dubbi sulla loro colpevolezza. In un paese dove i valori tradizionali vengono sottovalutati, vorrei che questo fiocco fosse anche segno di presenza dello Stato a fianco di chi ha scelto di servirlo, a fianco di chi indossa una divisa e sa che ogni giorno rischia la sua vita per difendere la nostra, anche arrivando alla misura estrema di impugnare un’arma e fare fuoco. Ecco, quello è il momento in cui un nostro rappresentante delle Forze dell’Ordine deve sentirsi tutelato, deve poter essere sicuro che la sua scelta, assolutamente valutata e soppesata, non diventi successivamente motivo per essere abbandonato a se stesso.
Nelle nostre intenzioni anche il desiderio che la modifica sia solo temporanea, di breve durata: fino a che i due Fucilieri di Marina  non saranno scagionati da ogni ingiusta accusa e potranno tornare liberamente in Italia, dalle loro famiglie, dai loro cari, da tutti coloro che li hanno sempre sostenuti e vedono nel loro rientro in Patria la perfetta chiusura di questa dolorosa pagina di storia”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: