Cultura e Musica

Prorogata la mostra “Natale sottovetro. Il fermacarte nel mondo”

museo altare

di Redazione

In seguito al successo riscontrato, la mostra  “Natale SottoVetro. Il fermacarte nel mondo” sarà prorogata fino a domenica 28 febbraio. Giunta ormai alla settima edizione, rappresenta un appuntamento fisso delle attività invernali del Museo dell’Arte Vetraria Altarese.

La storia dei fermacarte inizia nel 1845, quando fanno la loro comparsa a Venezia, in Francia e nel centro Europa.
Nati con lo scopo di “fermare le carte” nelle vetrerie, ben presto hanno assunto la funzione di oggetti decorativi nelle case della media borghesia.
Nel cosiddetto “periodo d’oro”, che va dal 1845 al 1860, le vetrerie francesi hanno prodotto stupendi esemplari che sono tutt’oggi al vertice della produzione di ogni tempo.
Nella seconda metà dell’800, i vetrai statunitensi, entusiasti degli esemplari visti in Europa, portano nel New England maestranze francesi, dando vita ad una produzione di fermacarte di buona qualità. Nello stesso periodo fiorirono numerose produzioni in Inghilterra e Scozia, e sul finire del secolo in Belgio, Germania e Boemia.
Oggi i fermacarte vengono creati da vetrerie francesi e scozzesi, ma soprattutto da singoli vetrai, negli Stati Uniti ed in Scozia, dando vita ad esemplari di altissima qualità.

Nella mostra al Museo dell’Arte Vetraria di Altare vengono presentati esemplari che ripercorrono lo sviluppo storico dal 1845 ad oggi, con fermacarte di tutte le principali vetrerie che hanno operato in passato e di quelle in attività nei nostri giorni.
Gli oggetti in mostra provengono dalle collezioni di Franco M. Bobbio Pallavicini e Diego Pinasco, mentre una sezione è dedicata alla produzione dei fermacarte nelle vetrerie altaresi.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: