Attualità

Da Braille agli occhiali per i non vedenti

di Pino Rosso

Due ricercatori dell’Università di Genova (Saverio Murgia e Luca Nardelli), hanno creato un oggetto che trasforma le immagini in segnali che possono essere interpretati dall’orecchio. Un dispositivo posto negli occhiali servirà a riconoscere voci, segnali stradali, rendere visibile l’invisibile. Con tutta probabilità andranno a sostituire il Braille.

Parlare di Luis Braille significa scorrere una storia di coraggio, un personaggio straordinario nato nel 1809 nella Ile de France, zona agricola e povera alla periferia di Parigi. Il padre era sellaio ed al bambino intelligente e vivace piaceva intrufolarsi nel laboratorio paterno ma all’età di tre anni si ferì con un attrezzo ad un occhio.       Il punteruolo procurò un’ infezione che poi si estenderà poi anche all’altro occhio. All’epoca non vi erano antibiotici ed il bimbo perse la vista.

La sua forza d’animo gli permise di vivere una vita normale ma una volta giunto in età scolastica, il dispiacere dato dal non poter leggere e scrivere iniziò a tormentarlo.

La sua disgrazia e la sua voglia di conoscenza arrivarono alle orecchie  della Marchesa di Orville che gli offrì una borsa di studio per poter frequentare a Parigi una scuola (una delle poche al mondo) per non vedenti. A soli 10 anni, con notevole volontà e coraggio ottenne il permesso, dalla famiglia riluttante, di poter andare da solo a Parigi. Gli insegnarono a leggere con il metodo del direttore della scuola per poi avviarlo ad apprendere un mestiere manuale (fare sedie, cestini).

ll suo desiderio di fare, ancora una volta gli suggerì quanto fosse necessario trovare un modo più semplice per leggere e soprattutto anche scrivere. Ricordando come suo padre, per insegnargli a leggere, utilizzava raffigurare le lettere piantando dei chiodi su di una tavoletta sfiorare con i polpastrelli. Decise di  sostituire i  chiodi con dei fori utilizzando quel punteruolo che lo aveva così gravemente menomato ma che aveva sempre portato con sé. Il vero colpo di genio gli venne offerto dal capitano de la Serre che aveva ideato un sistema per permettere ai suoi soldati di leggere di notte i messaggi da lui inviati.  A 20 anni raccoglie tutto in un libro utilizzando il sistema anche per la musica. Inizialmente incontrò difficoltà ed invidie ma alla fine i suoi libri vennero tradotti in molte lingue.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: