Cultura e Musica

Vetrine d’artista espone Isidoro Pujatti

di Redazione

Vetrine d’artista presso Cassa di Risparmio di Savona, in Corso Italia Savona espone: Isidoro Pujatti (dal 1 aprile al 3 maggio 2016).

Artista autodidatta, nato a Pordenone nel 1937 e scomparso a Savona nel 1980, ha lasciato un “segno” molto personale nel ricordo non solo dei suoi Familiari, ma negli amanti del bello perché molti rammentano le sue mostre, sempre seguitissime, presso la storica Galleria “Sant’Andrea” di Luigi Pennone a Savona. Il suo amore per l’arte e per la pittura inizia fin da bambino e via via si affina a partire dagli anni Sessanta del secolo scorso con mostre a Nichelino, Carmagnola, Acqui Terme e, poi, con la sua residenza a Savona, nei quartieri di Villapiana, qui in Liguria (Celle Ligure, Varigotti, Cairo Montenotte, Pietra Ligure, ecc.). Ha ottenuto diversi riconoscimenti fino ad una recente mostra antologica allestita a Villa Cambiaso a Savona.Non solo pittura a olio o su tavoletta, ma ha creato, pure, moltissimi piatti in ceramica, pannelli ceramici, un vaso bianco/blu seguendo l’antica tradizione savonese. La liricità dello spoglio, quanto intenso, paesaggio ligustico di Varigotti, con la sua Baia dei Saraceni che rimanda, anche, nelle architetture alla cultura araba, le visoni poetiche tratte da Sbabaro a Verezzi, gli echi provenienti, in un certo qual senso, dalla pittura di Renzo Bonfiglio per Porto Vado ripreso in modo molto personale così come le baracche di Zinola, la stazione liberty di Savona (abbattuta nel 1980), le case rurali dell’entroterra dal paesaggio quasi intatto. Questo il bagaglio iconografico di Pujatti, fino alla ritrattistica, con echi surreali e simbolisti in certe opere.
Buono l’impaginato delle stesse e l’esito coloristico: una lettura intimistica potrebbe descrivere tali opere come veri “paesaggi dell’anima”, con momenti di raccoglimento dove prende spazio una riflessione sull’uomo e la natura in cui vive e, spesso, con l’assenza totale umana, si ingigantisce l’effetto di una natura sovrana, financo nostalgica, sempre da conoscere per rispettarla appieno

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: