Cultura e Musica

1 maggio, Festa delle Sante Spine e Anciuada der Castlàn

di Redazione

Nell’ambito della Rassegna multiculturale “Dal Mare alle Langhe fino… al Monferrato”, la Federazione Italiana Volontari della Libertà (FIVL) si presenta, e attivamente collabora, a Montechiaro d’Acqui. Si conquista, così, la fiducia di un ulteriore centro dell’Acquese, dopo Bubbio, Denice, Rivalta Bormida e la stessa Acqui Terme.  L’occasione è la Festa delle Sante Spine e Anciuada der Castlàn. Una ricorrenza legata alle venerate reliquie della corona di Cristo, che  il Comune di Montechiaro d’Acqui e la Pro Loco organizzano, quest’anno, con il Patrocinio della Regione e, per la prima volta, della FIVL, la quale, appunto, porta in dote il logo della propria prestigiosa rassegna. Per tutta la giornata, musica, bancarelle, santa messa, visite al museo Sante Spine e museo della civiltà contadina, prodotti tipici e, infine, la mostra pittorica personale di Giancarlo Stefanelli, vicepresidente della Sezione FIVL “Alto Monferrato e Langhe”, presieduta da Elisa Gallo. L’Ente morale conferma il proprio impegno con l’attenzione a tradizioni popolari, che si coniugano con le valenze del lavoro contadino, in una data che proprio coincide, religiosamente e civilmente, con la solennità di San Giuseppe Artigiano e della Festa del Lavoro. Mestieri frettolosamente ritenuti minori, e forse superati, in realtà autentiche testimonianze depositarie di una storia e di una cultura ancora viva, in grado di esprimere non solo pregevoli prodotti, gastronomici o artistici, ma soprattutto emozioni, suggestioni, valori. Espressioni, tutte, delle facoltà personali, e non soltanto di quelle fisiche, ma altresì di quelle spirituali, che imprimono in quanto si realizza il segno della personalità umana, e perciò il suo progresso, la sua perfezione, e alla fine la sua utilità economica e sociale. Non è per nulla una Langa “scomparsa”, – seppure in forte sofferenza e difficoltà – ancora oggi  si mantengono salde radici distribuite negli angoli di una terra che orgogliosamente si ostina a mantenere “buona memoria” con lo sguardo proiettato al futuro, rivestendo di dignità e talento, il genio perfettivo e produttivo dell’uomo. Esce un altro affascinante ritratto di un recente passato rurale, orgogliosamente resistente al fluire del tempo e alla travolgente e standardizzante modernizzazione tecnologica.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: