Cultura e Musica

Quest’estate ‘Rigoletto’ e ‘Lucia di Lammermoor’ alla nostra Arena

di Laura Sergi

Ritorna l’opera lirica al Priamàr di Savona con due grandi titoli: ‘Rigoletto’ e ‘Lucia di Lammermoor’, rispettivamente di Giuseppe Verdi e Gaetano Donizetti. Nella tradizionale conferenza stampa dell’Opera Giocosa al teatro Chiabrera, ad annunciare un programma contenente ben sei eventi, si sono succeduti: il neo presidente e direttore artistico, Giovanni Di Stefano, il sovrintendente del Carlo Felice di Genova, Maurizio Roi, e l’assessore regionale alla cultura, Ilaria Cavo.

Cominciamo con il ‘Rigoletto’, dal libretto di Francesco Maria Piave (prima rappresentazione a Venezia nel 1851), che aprirà la stagione lirica estiva a Piazzale del Maschio. Il debutto ci sarà venerdì 17 giugno, la seconda serata sabato 18 (ore 21.15). Il Maestro Stefano Romani dirigerà l’Orchestra Filarmonia Veneta (il Coro Lirico Veneto sarà diretto dal Maestro Flavia Bernardi), la regia sarà di Federico Bertolani, le scene di Giulio Magnetto. Sul palco: Roberto Iuliano vestirà i panni del Duca di Mantova, Rodolfo Giugliani ‘Rigoletto’, Linda Campanella ‘Gilda’, Rocco Cavalluzzi ‘Sparafucile’, Sabina Cacioppo ‘Maddalena’, Stefano Marchisio ‘Monterone’, Romano Franci ‘Marullo’, Sergio Dos Santos ‘Borsa’, Paolo Bergo ‘Ceprano’, Simonetta Baldin ‘La contessa di Ceprano’ / Giovanna / il Paggio, Riccardo Ambrosi ‘l’Usciere di corte’. Una grande prova per la compagnia, soprattutto per Giugliani, che sarà messo a confronto con l’apprezzamento ottenuto da Igor Golovatenko alcune stagioni or sono. Allestimento del Teatro Sociale di Rovigo, produzione del nostro Teatro di Tradizione in collaborazione con il Teatro di Rovigo.

Poi occorrerà attendere sino a giovedì 14 luglio (stessa ora) quando ci sarà il dramma tragico in due parti: ‘Lucia di Lammermoor’, su libretto di Salvatore Cammarano (prima rappresentazione a Napoli nel 1835). La seconda serata ci sarà sabato 16, e martedì 12 l’Anteprima con ‘Adotta un nonno’, un’idea per invogliare giovani sotto i 16 anni e meno giovani sopra i 65 ad andare a teatro insieme, con ingressi scontati per entrambi. Il Maestro Sebastiano Rolli dirigerà l’Orchestra e Coro del Carlo Felice di Genova (Maestro del Coro Patrizia Priarone), la regia di Henning Brockhaus sarà ripresa da Valentina Escobar (che curerà anche le coreografie), le scene di Benito Leonori saranno realizzate dai bozzetti di Josef Svoboda. Sul palco: Simone Alberghini sarà Lord Enrico, Gilda Fiume ‘Lucia’, Matteo De Sole ‘Sir Edgardo’, Marco Ciaponi ‘Lord Arturo’, Enrico Iori ‘Raimondo’, Elena Traversi ‘Alisa’, Raffaele Feo ‘Normanno’. Allestimento Fondazione Pergolesi Spontini di Jesi, coproduzione a cinque, fra cui la nostra Opera Giocosa.

Un primo Concerto Sinfonico, dedicato a Mozart, ci sarà mercoledì 20 luglio (ore 21.30), con l’Orchestra Sinfonica di Sanremo diretta da Giancarlo De Lorenzo, all’oboe Nicola Patrussi.

Alla nostra Arena giunge quest’anno anche il balletto, con ‘Carmen K (Kimera)’, venerdì 22 luglio (sempre alle 21.30) e la Compagnia Artemis Danza, ideazione e coreografia di Monica Casadei, in collaborazione con Genova OutSider Dance 2016. Ha debuttato lo scorso 8 aprile al Teatro Comunale di Bologna, dove si è vista una protagonista selvaggia e istintiva, molto passionale, che sprigiona tanta voglia di libertà e tanto desiderio di vivere l’amore. Ma il finale della storia è tragico: la libertà qui porta alla morte, e il desiderio di amare e di vivere felici conduce il pensiero alle tante tristi storie dei nostri giorni, dove c’è confusione totale su cosa voglia dire voler bene a qualcuno e cosa invece sia quel tremendo desiderio di possesso.

Da ‘X Factor’ a Savona, venerdì 29 luglio (stessa ora), quando giungeranno i ‘Cluster’, per un concerto che attirerà il pubblico giovanile. Erik Bosio, Liwen Magnatta, Maria Letizia Poltini, Marco Meriggio e Nicola Nastos incanteranno anche i meno giovani intervallando Freddie Mercury, Mozart, Stevie Wonder e Roberto Murolo…

Infine, mercoledì 3 agosto (sempre alle 21.30), ritorna l’Orchestra Sinfonica di Sanremo, con direttore e viola solista Danilo Rossi, per un concerto dedicato a Caikovskij e la musica del Novecento.

Un programma grandioso, che nulla farebbe temere per il futuro del nostro Teatro di Tradizione, nonostante i tagli alla cultura votati con l’ultimo bilancio comunale, che non sono stati argomenti di discussione. Le parole del presidente Di Stefano, del sovrintendente Roi e dell’assessore Cavo hanno invece caldeggiato questo nuovo modo di fare rete al fine di aumentare i fruitori al Priamàr in estate: solo se il Carlo Felice, l’Orchestra Sinfonica di Sanremo e l’Opera Giocosa sapranno camminare a braccetto, si potrà essere polo d’attrazione per il turista.

Tra gli interventi, anche il saluto dell’assessore uscente alla cultura del comune, Elisa Di Padova, e la presentazione del libro: ‘Teatri Storici di Liguria’ (curato da Roberto Iovino e Carla Viazzi), promosso dalla Regione e presentato da Barbara Catellani, co-autrice, responsabile ufficio stampa della Giocosa.

Infine, ecco le iniziative pensate per invogliare i melomani ad approfittare della stagione lirica estiva: oltre ‘Adotta un nonno’, anche l’invito a formare Gruppi (così dieci persone vedranno il loro biglietto d’ingresso ridotto, e l’undicesimo biglietto a un euro), infine la proposta ‘Opera in famiglia’ (chi acquista due biglietti adulti interi ha diritto a far entrare anche bambini fino ai 10 anni, pagando per loro solo un euro). E poi un incentivo tutto particolare per i nati nel 1956: per festeggiare i 60 anni con loro, potranno usufruire di ingresso ai titoli operistici a 25 euro. Riproposta al botteghino anche l’iniziativa del biglietto sospeso a 10 euro, per giovani che abbiano tra i 10 e i 26 anni, inaugurata lo scorso anno con buoni risultati (nella foto, il microfono a Catellani per la presentazione del libro).

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: