Attualità

Benvenuti: quando lo sport è passione

di Pino Rosso

Lo sport, ed in particolare il pugilato, servono a coordinare e convogliare le proprie energie. Sul ring serve  concretrazione, bisogna controllare le proprie forze.                    Il bullismo  è una forma di comportamento sociale violento, sempre esistita, prima relegata, confinata alla sfera personale mentre ora è amplificata dai media, specialmente dalla  rete. Può essere  vinto specie con la pratica sportiva.

Benvenuti detto Nino (h 1.80 per 65 Kg di muscoli ) nacque nel 1938 a Isola d’Istria ora Slovenia, è stato uno dei piu grandi campioni di ogni tempo, in varie categorie prima superwelter poi welter, infine  medi (90 incontri, vinti 82, perso 1, pareggiato 1).

Incomincia ad allenarsi a 13 anni, con una passione  ereditata dal padre Fernando, in cantina sotto casa col fratello Dario usando un sacco  riempito di stracci , poi in palestra ove conosce  il  triestino Tiberio Mitri. Il motore oltre alla passione, è la voglia di riscatto per sé e per il popolo istriano, perseguitato e fuggiasco.

E’ un ex pugile, attore, politico e commentatore sportivo. La sua storia si interseca con una  parte difficile della storia italiana legata alla guerra. La sua città natale Isola d ‘Istria nel 45 viene occupata occupata da Tito e finita la guerra col memorandum di Londra assegnata alla Jugoslavia. E’ anche legata alla triste vicenda delle foibe. Nel 47 il fratello viene arrestato e incarcerato senza motivo, la loro casa requisita, inoltre vengono cacciati dalla loro terra.

Il 1955 è l’anno più nero , muore la madre e viene scartato dalla nazionale olimpica.  Il suo sogno si realizzerà nell’Olimpiade perfetta del ’60 a Roma; lì vince l’oro (la medaglia gli viene consegnata in una custodia con dedica di Jessi Owens) e la coppa  quale pugile più bravo tecnicamente, superando persino  Cassius Clay.

Nel 1961 passa al professionismo,  si sposa con Giuliana ed avranno 4 figli più una adottata. Più tardi conosce Nadia sua attuale moglie  avranno un’altra figlia.             Nel 63 conquista il primo titolo italiano battendo Tommaso Trupi. Nel ’65 incontra Mazzinghi già campione mondiale prima a Milano San Siro e alla presnza di 40.000 persone lo batterà. Vincerà anche nella rivincita al Palasport di Roma; successivamente  passa ai medi e può aumentare un po’ di Kg di muscoli. Programma un incontro  con il fortissimo Caraibico Emil Griffit per il mondiale al Garden Madison Square di New York, che  vincerà,  dove un solo Europeo aveva vinto, il grande Francese Marcel Cerdan. Nella rivincita, pur perdendo, supererà se stesso, infatti pur con due costole rotte finisce l’incontro. Nel ’68 la rivincita ancora Garden Madison Square e la vittoria questa volta arride a Benvenuti. Nel ’70 in Argentina emerge Monzon e viene stabilita la sfida per il mondiale a Roma (ne uscirà vincitore ai punti). Nel 71 a Montecarlo la rivincita ma vedendo Benvenuti  in difficoltà il suo allenatore getterà la spugna dichiarando: “dovevo sceglier tra l’uomo e il pugile , ho scelto l’uomo”. Dopo il  periodo sportivo, dimostrando la sua grandezza come uomo, aiuterà Griffit nella malattia e Monzon finito in prigione.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: