Cultura e Musica

BORDOLESI D’ALBISOLA E CARICATURE COMMEMORATIVE

Jpeg

di Giorgio Siri

Si è conclusa domenica 24 luglio, ad Albissola, al Pozzo Garitta, la penultima delle esposizioni previste per le celebrazioni del sessantesimo anniversario del Circolo degli Artisti. Essa ha riunito la rassegna delle “Bordolesi d’Albisola” e le caricature di Umberto Padovani, ribattezzate, a quanto pare dal Presidente Licheri, “Ceramicature” o Caricaturamiche”!

Le Bordolesi d’Albisola, collettiva giunta alla trentesima edizione,come i piatti della sagra del pesce, da lo spunto, ai tanti artisti amici del circolo, di esprimere, attraverso un oggetto di uso comune, nel caso la bottiglia “bordolese”, una dalla forma più classica nella produzione destinata al confezionamento vinicolo, il loro messaggio particolare. Infatti gli autori partecipanti alla collettiva hanno impresso, ciascuno alla sua bottiglia, un tocco del loro stile.

Occorrerebbe passare in rassegna tutte le” bordolesi” che erano presenti nella rassegna, di cui è stato pubblicato un piccolo ma curato catalogo, perché ognuna era interessante, originale, richiamante la personalità dell’autore. Ci soffermiamo su una parte delle opere, di autori che abbiamo incontrato di recente o che abbiamo meglio avvicinato.

Abbiamo trovato bottiglie con diafane acciughe dipinte, di Giannotti o con acciughe guizzanti intorno ad esse, con la superficie trasformata nel consueto mare mitologico, di Bernat; abbiamo ammirato bordolesi dalla decorazione essenziale, inerente l’oggetto, come quella di Mannuzza, bianca con un enigmatico bicchiere contenente un’allusione al vino, con l’”etichetta “del colore della terra con uno scabro paesaggio, che rammenta forse un colle del Piemonte, e si tratta della bottiglia di Giuliana Marchesa, oppure quella di Francesca Gherardi, con una semplice colatura rossa, puro colore a ricordo del vino; in altro contesto Mannuzza propone invece una bordolese decorata con la sua ceramica “traforata”, nel caso di uno scuro colore di “bucchero”; Carlo Pizzichini ha presentato una bottiglia dai segni misteriosi: la potremmo trovare galleggiante sul mare, proveniente da qualche luogo remoto? Carlo Sipsz ha apposto un’etichetta in”subbuglio”, recante la sua firma, con un altro lacerto della materia tellurica a lui cara; così Aldo Pagliaro, che propone le sue cristalliformi, laviche esplosioni; Laura Scappatura compone intorno alla bottiglia, ingegnosamente trasformata in una casetta di sogno, una scena dei suoi bozzetti; Manuela Gaja dedica la bordolese, con una movimentata, drammatica scena, ai migranti naufraghi; Franca Briatore dipinge, con colori brillanti, una luminosa scena – una spiaggia? – di accennati nudi femminili; Luciana Bertorelli ne fa una scultura ancestrale; Ylli Placa, come da lui, un dionisiaco, magico volto; Stefano Pachì attinge al Bacco caravaggesco trasportandolo forse in una villa pompeiana; Leony Mordeglia rende la bordolese un contenitore di onirica ceramica! Ci fermiamo, ma tutte la altre bordolesi meriterebbero un approfondimento.

Completavano la mostra chiusa il 24, le lastre di ceramica riproducenti le interessanti caricature di Umberto Padovani. Nato nel 1953, laureato all’Accademia di Belle Arti di Firenze, con specializzazioni ad Urbino in grafica pubblicitaria e cartoni animati, docente di arte al Liceo Bruno di Albenga e di grafica pubblicitaria al Martini Pancaldo di Savona, Padovani pratica l’incisione, forse uno dei pochi autori, oggi, ad aver mantenuto tale tradizionale, illustre arte. Apprendiamo che l’artista esprime, a volte, punti di vista ironici, se non sferzanti, sulla società (L’uomo e il consumismo), sui personaggi (L’uomo d’affari, Il giudice) con un tratto efficace, vignettistico, oppure volutamente fiabesco (Gulliver), quando non incline, anche come disegnatore, al fumetto artistico ed è doveroso rammentare un suo ricordo di De Andrè, di qualche anno fa, in una mostra ad Albenga. Osservando tali suoi lavori e per ammissione dello stesso artista, è evidente un’ispirazione che guarda all’espressionismo od alla “Nuova Oggettivita’” – Neue Sachlichkeit – dei tempi della Repubblica di Weimar, ma potremmo notare altre affinità, con la Pop Art a volte, oppure col famoso disegnatore John Bauer, nel “Gulliver” ad esempio. Nella rassegna di Albissola invece, con le “ceramicature caricaturamiche” Padovani vuole ricordare, in modo consono, ricorrendo alla più schietta tradizione della ceramica, i personaggi più famosi che hanno gravitato intorno al Circolo; da Jorn a Salino, da Sassu a Luzzati, da Milena Milani ai fratelli Poggi, da Sipsz a Fontana, allo stesso presidente Licheri, di cui vengono indubbiamente colti, in modo garbato, i tratti significativi, dedicando ad ognuno degli artisti un cenno della loro lezione; particolarmente riuscita la lastra dedicata a Fontana, con il riferimento alle sue note superfici squarciate.

Speriamo di incontrare di nuovo Padovani per una mostra sulle sue incisioni.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: