Cronaca

Legino e Conca Verde unite per contrastare la creazione dell’hub

Di Linda Miante

Un gruppo di cittadini, un prato spelacchiato, un megafono, qualche curioso. Ecco gli ingredienti base dell’adunata tenutasi alle ore 21 di ieri, nei giardini di fronte alla SMS “La Rocca” di Legino.
Un centinaio di persone disposte a semicerchio, qualcuno a braccia conserte, qualcuno desideroso di dire la propria, altri intenti a prendere appunti.

I riflettori vengono subito puntati sulla situazione della Conca Verde, che a detta degli abitanti non è affatto serena: “il 90% delle abitazioni ha subito almeno un tentativo di furto” e concludono “è una zona in cui abitano tanti bambini e mettendo queste persone in uno spazio aperto, in mezzo ai boschi, non ci tranquillizziamo di certo”.
Pietro, padre e residente alla Conca Verde, ribadisce che sono già stati effettuati dei sopralluoghi, in particolare per verificare lo stato della fognatura. Un fatto paradossale perché quest’ultima sarebbe inesistente.
L’ipotesi dell’ex Ostello della Gioventù adibito a centro di smistamento profughi non è una novità; la notizia serpeggiava tra la folla anche durante il primo incontro, ma allora non era altro che una proposta fatta da alcuni cittadini interessati ad allontanare il centro il più lontano possibile.
E’ tutto da rifare, i savonesi non ci stanno, né a Legino, né da altre parti.

Poiché da qualche giorno sono arrivati i primi sentori di riassestamento dell’Ostello – malgrado i lapsus del Prefetto – si era profilato il rischio di un arretramento da parte di quei cittadini che erano scesi in piazza per contestare la prima, e oramai scartata, possibilità.
Posizione che gli astanti smentiscono immediatamente in quanto i savonesi, ora più che mai, devono porsi un obiettivo comune e che sia il più concreto possibile.
Focalizzare l’impegno su un tema specifico aiuterebbe a trovare quella spinta centripeta capace di incanalarne le forze e rilanciare quel concetto di democrazia ormai caduto nel dimenticatoio.
Le perplessità oramai non riguardano solo una fetta del popolino.
Sono state chieste delucidazioni anche dalla forza politica “Rete a Sinistra” capitanata da Marco Ravera, il quale con una serie di domande brevi e concise vorrebbe sapere chi gestirà questo “Hub”, come e con quali finanziamenti.
Le risposte sono latenti. Sono partite le direttive dal Ministero degli Interni, ma in prefettura procedono a tentoni pur avendo pieni poteri sull’amministrazione locale.

Il Prefetto Giorgio Manari, o per meglio dire il Ministro degli Interni, non ha ancora assicurato nulla, né sul luogo, né sulle modalità. Una cosa è certa, dalle 24/48 ore si è passati alle 48/72 e nulla di tutto ciò è stato scritto nero su bianco. E se la permanenza dovesse protrarsi più a lungo, chi garantirà la sorveglianza? Con quale intensità? Questi gli interrogativi imperanti tra i partecipanti. Domande che giorni addietro vennero formulate anche dal Sindaco Caprioglio, ma per ora, e come sempre, tutto è ordito nell’ombra.

Un ospite d’eccezione decide di prendere la parola: è Don Filippo Bardini, per anni direttore della Caritas ingàuna. Decide di parlare della sua esperienza e il resoconto non è dei più rosei: un business che interessa Chiesa e cooperative, un business inaccettabile per un uomo di fede; i bisognosi arrivano via mare, certo, ma sono anche tra noi ed è inammissibile prestare aiuto per il mero rendiconto economico.
Una testimonianza scomoda per chi crede nel Dio Denaro.

E mentre il Sindaco è impegnato in Piazza Sisto a tenere testa a Librandi, al punto di ritrovo arriva il Consigliere Comunale Bertolazzi che si offre di dare una mano a porre le basi per un Comitato, citando tra l’altro l’esempio di Roverino, frazione di Ventimiglia, dove le mamme hanno fatto un blocco stradale in compagnia dei pargoletti.

Una riunione tra diretti interessati, molto più dimessa della scorsa, ma che ha per contro fruttato una chiara linea d’azione: se non arriveranno risposte dal Prefetto entro qualche giorno, e non arriveranno, verrà organizzato un sit-in davanti al Palazzo del Governo.
La folla si disperde così dopo due ore di dibattito, con il proposito di non abbandonare la causa.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: