Attualità

Calcio, Matteo Bonzo parla della sua Letimbro.

Oggi inizia ufficialmente la stagione della Letimbro, tuttavia, agli ordini di mister Roso, non ci sarà Matteo Bonzo che, a causa di un problema al ginocchio, non sarà disponibile per la prima parte della stagione.

Dopo stagioni esaltanti con Spotornese e Pallare con le quali ha sfiorato la promozione, Matteo Bonzo ha finalmente ottenuto la vittoria del campionato con i colori gialloblu. Ecco l’intervista rilasciata “ai nostri microfoni”:

  • L’infortunio non ci voleva, seguirai comunque la squadra?
  • “No, non ci voleva proprio. Avevo una voglia matta di cominciare la prima storica stagione in Prima Categoria. Spero di riuscire, nonostante il lungo stop, a rientrare in tempo per le ultime partite. Tuttavia, spero che non ci sarà bisogno del mio aiuto e che l’obiettivo sia già stato raggiunto, ovvero che la salvezza sia già stata conquistata. Seguirò la squadra fin da oggi perché sono molto legato a questo fantastico gruppo.”
  • Come giudichi la campagna acquisti?
  • “Alla campagna acquisti darei 8: siamo riusciti a convincere Del Buono a sposare la nostra causa che, con Orcino e Ciccaglioni, formerà un terzetto di centrocampo che molte squadre ci invidieranno. Abbiamo preso anche molti giovani interessanti, il portiere Bianco in primis. Anche gli acquisti di Dorindo e Castagno (provenienti dalla Nolese) sono da sottolineare, Dorindo servirà per puntellare una difesa che, anche mio malgrado, ha dovuto subire delle defezioni”
  • Per quale obiettivo lotterete?
  • “L’obiettivo primario è la salvezza, non ci sarà una “cenerentola” e pertanto sarà difficile da ottenere. Naturalmente, se riuscissimo a centrarla in anticipo, potremmo alzare l’asticella e i mezzi per farlo li abbiamo”
  • In passato, hai giocato in Prima Categoria con le maglie di Pallare e Celle, il livello ti sembra cambiato? Chi lotterà per vincere?
  • “Rispetto alla scorsa stagione, quest’anno il livello medio si è nuovamente alzato e non solo per la presenza dell’ Alassio nel girone. Tuttavia, le squadre di vertice di tre anni fa (Pallare, Albenga, Andora e Legino) potrebbero quest’anno fare bella figura in Promozione, ricordo che allora il Pietra, che schierava un certo Carparelli, non è riuscito ad approdare nemmeno ai play off. Oltre all’Alassio che parte favoritissimo, quest’anno vedo bene l’Ospedaletti e la Dianese&Golfo”.

M.T

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: