Cultura e Musica

Mercoledì l’ultimo evento del 53° Festival di Cervo

di Laura Sergi

È giunto alle sue conclusioni il 53° Festival internazionale di Musica da Camera di Cervo, prestigioso appuntamento che, come ricorda il Primo Cittadino Gian Paolo Giordano nel grande opuscolo di presentazione del Calendario, è stato insignito, nel corso degli anni, di numerosi riconoscimenti.

Per tutti coloro che, come noi, non avevano mai avuto occasione di visitare il borgo imperiese, suggeriamo di partire con l’immaginazione, prendendo un po’ del nostro Priamàr, un po’ del borgo di Verezzi… e poi moltiplicando il tutto in un dedalo di sentieri che si inerpicano su verso Piazza dei Corallini, in un tragitto dove il timore che accompagna gli ospiti alla loro prima volta è quello di smarrirsi per strada!

Ma giunti in cima… che meraviglia: una piazzetta in linea d’aria a due passi dal mare, file di seggioline numerate davanti a un palco, e posti a sedere in libertà sul sagrato della Chiesa di San Giovanni Battista, che si presta nei casi di maltempo ad ospitare lo spettacolo.

Per l’ultimo evento di calendario, mercoledì 31 agosto, ore 21.30, i protagonisti saranno i docenti dell’Accademia Estiva della città: Erika Geldsetzer al violino, Jean Sulem alla viola, Gustav Rivinius al violoncello, Arnulf Von Arnim al pianoforte. Variegato il programma, che verte sulle musiche del novecento di Ernst von Dohnanyi (Serenata per Trio d’archi) con l’impronta magiara del compositore, quindi passa alle note di Antonín Leopold Dvořák (Dumky Trio) del 1891, per terminare con Robert Schumann (Quartetto in mi bemolle maggiore op. 47) in un brano del 1842.

Intanto, ci piace riandare con la mente alla bella serata del 25 agosto, con il Quartetto d’archi Guadagnini: Fabrizio Zoffoli e Giacomo Coletti ai violini, Matteo Rocchi alla viola e Alessandra Cefaliello al violoncello. In particolare, la seconda parte dedicata a Dvořák (Quartetto per archi n. 12 ‘Americano’ in fa maggiore, op. 96, del 1893) è stata la più piacevole, ma tutta l’esecuzione ha dimostrato quanto la forza del gruppo stia nel grado di coesione raggiunto; d’altronde, al pubblico che li segue, si presentano con questo biglietto da visita: ‘Umiltà, dedizione e sacrificio sono l’occorrente necessario’. E, in poco tempo infatti, sono giunti ad essere riconosciuti come una delle formazioni su cui occorre tenere puntato lo sguardo (nella foto di Marcello Nan, il Quartetto la sera del 25).

L’appuntamento di mercoledì, nonostante chiuda il 53° Festival, nella pratica viene vissuto anche come un anello di congiungimento per l’evento che verrà: da giovedì 1 a lunedì 12 settembre, infatti, prenderà il via la XXVII edizione dei Corsi di Perfezionamento, con tanti giovani che animeranno i caruggi di Cervo e renderanno vivo e attraente, con le loro musiche, questo meraviglioso borgo ligure.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: