Cronaca

ACCORPAMENTO PORTI, CHIESTA UNA PROROGA

di  Giorgio Siri

Dopo le Camere di Commercio anche i Porti della nostra regione, a quanto
pare, uniranno i loro destini ed infatti è previsto che Genova e Savona
saranno soggette ad un’unica Autorità Portuale.

Così sarà composta la secolare rivalità Genova-Savona, si potebbe
aggiungere!

Ma mettere insieme due enti che amministrano due situazioni portuali
tanto diverse non pare sia così facile, con piani di investimento e
regolamenti assolutamente distinti; in più, i bilanci dell’anno 2016
sono a metà e devono essere portati a termine ed approvati. Per questo
il Presidente della Regione, Toti, ha inviato al Governo una domanda di
proroga per poter addivenire agli adempimenti richiesti da Roma in un
contesto di armonizzazione e di “messa al passo” delle due strutture
portuali.

La parlamentare Anna Giacobbe spiega che sarebbe stato auspicabile
puntare “su regole che affidassero non ad un ‘Ufficio’ burocratico, ma
ad una vera Direzione portuale di Savona Vado, il compito di tenere le
fila dei rapporti tra istituzioni, operatori, forze del lavoro nel
nostro scalo. Non è stato possibile, non tutti hanno creduto in questa
necessità ed opportunità. Ma ci sono ancora margini per non disperdere
un patrimonio positivo, per dare valore, nel nuovo assetto, alle
potenzialità delle banchine di Savona e Vado e soprattutto al sistema
logistico che in questi anni è stato costruito, con la valorizzazione
del trasporto su ferro e un interporto di rango ‘core’ nella rete europea”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: