CronacaCultura e Musica

Vesime, luogo di memoria e d’incontro. La FIVL presente all’evento dedicato all’aeroporto Excelsior

 

 

La Federazione Italiana Volontari della Libertà (FIVL), attraverso una delegazione del Centro XXV Aprile, condotta in campo da Elisa Gallo, Presidente della locale sezione con sede nella vicina Bubbio, ha preso parte all’evento “Dietro le linee nemiche: Excelsior, l’aeroporto partigiano di Vesime”.

Manifestazione in programma Domenica 25 settembre 2016, a Vesime (AT), grazie all’organizzazione del Comune e dell’Associazione Aeroporto Partigiano, con il patrocinio – tra cui – del Dipartimento di Filosofia e Scienze dell’Educazione dell’Università di Torino, del CUS Torino e del Consiglio Regionale Piemonte, e la presenza di autorità, reduci , associazioni e cittadinanza.

Considerata la necessità di dare continuità al significato e al valore dell’esperienza fondante della nostra storia repubblicana, racchiusa nei fatti della Resistenza, ricordando l’insegnamento di Alexis de Tocqueville, grande saggista francese, che già nell’Ottocento, ammoniva: “Quando il passato non proietta più la sua luce sul futuro la mente dell’uomo è costretta a vagare nelle tenebre”, la FIVL ha apprezzato la lodevole iniziativa in ricordo della costruzione dell’aeroporto partigiano Excelsior di Vesime, avvenuta in pochi giorni da parte della II Divisione Langhe di Piero Balbo “Poli” nel settembre 1944, grazie all´aiuto dei contadini e degli abitanti della zona, realizzando un’opera che fu determinante per i successivi sviluppi della lotta di liberazione nel più ampio teatro dell’Italia nordoccidentale.

Un messaggio colto, a chiare lettere, dagli interventi di Pierangela Tealdo, Sindaco, Nino Boeti, Presidente del Comitato Resistenza e Costituzione del Consiglio regionale del Piemonte, Renato Grimaldi, direttore del Dipartimento di Filosofia e Scienze dell’Educazione, Mario Renosio direttore dell’ISRAT e Lorenza Balbo, figlia del Comandante Poli.

L’occasione è ulteriormente stata foriera d’incontri umanamente significativi tra persone, a vario titolo, direttamente o attraverso i propri familiari, coinvolte nelle vicende dell’ultimo conflitto mondiale.

Tra gli altri, si sono ritrovati aderenti alla FIVL, la professoressa Luigina Balaclava, figlia di Pasquale, geometra, classe 1911, progettista dell’aeroporto”Excelsior”, primo Sindaco dopo la Liberazione di Cortemilia, il dottor Beppe Ricci, artista, ex Sindaco di Orsara Bormida, figlio di Stefano, classe 1915, della 3ª Divisione fanteria “Ravenna” fu ferito sul Don, con il pluridecorato cairese Luigi Viglione (“Scamaghen”), classe 1929, che militava nella Brigata Valle Uzzone distac­cata a Cortemilia, Vicepresidente dell’ass.ne nazionale Combattenti e Reduci della valle Bormida, con Ennio Bianchi, artista abruzzese trapiantato in Riviera, esperto intarsiatore del legno, anch’esso figlio di combattente alpino, e il Presidente del Centro XXV Aprile, Ten. Antonio Rossello, il cui nonno Gio Batta, ex carabiniere classe 1898, fu oggetto di ritorsioni per aver abbattuto l’insegna fascista dell’Opera nazionale maternità e infanzia di Savona alla caduta del regime il 25 luglio ’43.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: