Attualità

In A2 di hockey prato il Savona vince e convince

di Redazione

Il Savona HC continua la sua marcia positiva nel Campionato di divisione nazionale di serie A2/M.

Nel 4° turno i biancoverdi savonesi hanno avuto ragione del Rassemblement Piemonteis di Torino, vincendo la gara interna per 3-1.

Nel primo tempo il Savona va più volte vicino alla segnatura, grazie agli spunti di Longo al 3° (tiro al volo sopra la traversa), Bajrami al 15° (ribattuta del portiere ma manca il tap-in vincente), Bruzzone al 17° (tiro di rovescio di poco a lato), Bormida al 20° (respinta del portiere) e anche su alcuni tentativi su corner corto tirati da Nuñez (respinte del portiere). Il Savona non demorde ma trova sula strada l’ottimo n.1 torinese, Giuseppe Mangeruca, che nella scorsa stagione è stato protagonista proprio tra le fila della formazione del Savona HC  giocando in prestito nel campionato di hockey indoor nella categoria U21.

Nella ripresa il Savona non molla e si rende ancora pericoloso fin dalle prime battute. Gonzalo Longo, in percussione sulla sinistra , da posizione defilata, lascia partire un tiro di rovescio rasoterra che sorprende il bravo Mangeruca, insaccandosi sul secondo palo.

Passano alcuni minuti e il Savona raddoppia: azione sulla sinistra, l’esperto Pavani entra in area e anziché tirare serve Longo che insacca da posizione ravvicinata, mettendo fuori causa il n.1 torinese ed il 2-0 che chiude virtulamente la gara, ma non è finita.

Gonzalo Longo, ancora pericoloso sotto porta, colpisce un palo con una conclusione di rovescio che strappa gli applausi.

Il Savona, spinto a centrocampo da un inesauribile Filippo Bormida, arriva a siglare la terza rete: proprio Bormida, entrato sulla destra mette al centro per l’accorrente Pavani, che insacca al volo in diagonale sul secondo palo per il 3-0 biancoverde.

Il Rassemblement non sta a guardare e nell’ultimo quarto d’ora, si fa vivo in avanti ma Luca Ghione si fa trovare pronto e respinge le conclusioni ravvicinate degli attaccanti piemontesi.

Poi a due minuti dalla fine, arriva il gol della bandiera torinese che fissa il punteggio finale sul 3-1.

Commenta l’allenatore Vaglini: “Stiamo mantenendo una buona continuità di rendimento e sono contento delle prestazioni di tutti i ragazzi, in particolare dei più giovani del gruppo, che stanno dimostrando tutto il loro valore partita dopo partita. Un plauso particolare va a Massimo Pavani che a 47 anni, gioca e segna e si allena con grande impegno e serietà, un esempio da seguire per tutti i nostri giovani”.

Nella foto in allegato, tre dei protagonisti della sfida contro il Rassamblement: da sin. Gonzalo Longo, Massimo Pavani e Ruben Nuñez.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: