Attualità

ALPINI AD ACQUI PER L’OTTANTOTTESIMO SEZIONALE

di Giorgio Siri

Evento sentito e coinvolgente, domenica scorsa 27 novembre , ad Acqui Terme, per le celebrazioni dell’ottantottesimo anniversario della fondazione della sezione Alpini, evento che ci ha richiamato al senso di appartenenza ed alla considerazione della nostra Storia.

Si è iniziato nel cortile della Caserma, piazza Don Dolermo, con il raduno degli Alpini in congedo, iscritti A.N.A., dei rappresentanti delle Associazioni combattentistiche, delle Autorità civili e militari. Accompagnati dalle note tonanti della fanfara della Brigata Cadore, che ha suonato le varie marce di parata compresa ovviamente la celebre “33”, inno degli Alpini, ci si è messi in formazione per raggiungere il bellissimo, scenografico, Monumento ai Caduti di Acqui, dove è stata solennemente deposta una corona; è seguita la Messa, nel Duomo di San Guido, prossimo a celebrare i suoi 950 anni di storia, officiata da un sacerdote del Duomo e dal cappellano dell’Associazione Nazionale Alpini (A.N.A.).

Poi la fanfara della Cadore si è esibita in un carosello entusiasmante e si è terminato in convivialità, con un pranzo organizzato dalla Sezione Alpini di Acqui, che giustamente vanta di contare tra le sue file degli ottimi cuochi, presso il Centro Congressi, dai rivestimenti esterni realizzati in “cor-ten” rugginoso,( bello anche se tanti storcono il naso!)

Presente alla manifestazione il veterano Edoardo Sassetti, classe 1921, reduce della campagna di Russia (1941-1943), piemontese ma residente a Savona, che è stato festeggiato in modo particolare, con tanto di torta.

Nell’atmosfera cordiale successiva al “rancio” ci siamo intrattenuti col Consigliere Nazionale A.N.A. , Giancarlo Bosetti, rappresentante dall’Associazione alla Cerimonia. Il Capitano Bosetti – ha un grado militare più elevato ma lui preferisce presentarsi con quello – ci ha parlato dello spirito “alpino”. Abbiamo compreso come lui stesso lo incarna; persona tanto carismatica quanto semplice, settantenne più che dinamico, è nato nel 1946, acquese per parte di padre ma di madre genovese, ha svolto il servizio militare ad Aosta, nel Battaglione Susa, tra le file della Brigata Taurinense, dove ha seguito il corso ufficiali.

Congedato sottotenente, ha svolto la carriera di complemento, durante la quale ha partecipato alle manovre Nato. Apprendiamo anche del suo impegno nella Protezione civile e nella Croce Rossa. Dirigente SEAT, nella vita lavorativa,dal servizio militare in poi, si è sempre sentito “alpino” nel profondo del cuore. Ci ha parlato dell’immedesimazione nella grande famiglia e nelle tradizioni alpine: per lui, com’è nello “spirito alpino”, trovarsi tra amici, essere coinvolti nel senso di solidarietà, incontrare i reduci. Tramandare i valori, per Bosetti è il fine principale dell’Associazione; li riassume in queste parole: lealtà, sincerità, umanità. Esprime il proprio rincrescimento nel non riscontrare, spesso, tra i giovani, la volontà di perseguire tali valori, nel vederli più coinvolti da effimere attrazioni di svago! Riscontra la perdita di obiettivi e la conseguente capacità che ne deriva di affrontare le grandi prove della vita; “Con tutte le chances e le opportunità che i giovani di oggi hanno”, ci dice Bosetti. Speriamo e riteniamo, comunque, che i valori di cui ci parla siano sempre visti come i “valori”! Il capitano Bosetti è padre di una figlia, quarantenne, insegnante e giornalista.

A dare il tocco magico alla manifestazione è stata la Fanfara degli Alpini in congedo della Brigata Cadore, coinvolgente ed applaudita. Formata da oltre cento elementi, nell’occasione ne erano presenti una settantina, la Fanfare si ritrova, parecchie volte all’anno, per raduni e cerimonie, in tutta Italia. Ognuno dei suoi componenti, già militare nella Cadore, è anche membro, in genere, di altre bande cittadine. Ottimo suono, ottimi strumenti, mimetica e vezzose ghette bianche, ai segni suggestivamente impartiti dal “mazziere”, la “Cadore”, dopo la cerimonia, si è esibita in un entusiasmante carosello che rifà e varia i movimenti di adunata e di marcia. Ci riserviamo di dedicare un servizio alla prorompente “Cadore”.

VIVA GLI ALPINI.

1 commento

  • Nel ringraziare voi tutti per l’accoglienza riservataci, per l’ospitalità e il calore di come ci avete accolti un grosso plauso vada a lei presidente e a tutti i suoi alpini, alla protezione civile a tutte le signore che hanno collaborato per la riuscita di tale manifestazione è anche alla popolazione intera. Grazie da parte mia e di tutta la Fanfara Cadore

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: