Attualità

CASELLO DEL DAZIO DI PIEVE DI TECO AL FAI

di Giorgio Siri

“In questo momento di difficoltà vorremmo comunque portare a termine un progetto dedicato al nostro territorio, così fragile ma al contempo così prezioso.” questo l’intentodi Wepesto Associazione Culturale .

Grazie al supporto degli alunni dell’Istituto Superiore G. Ruffini durante Expo Valle Arroscia, del Comune di Pieve di Teco durante Olioliva, e alla costanza dei volontari delle Associazioni FAI e Wepesto, le firme per il Casello del Dazio “Luogo del Cuore FAI” hanno raggiunto un numero ragguardevole.

Il giorno giovedì 1 dicembre alle ore 11 presso il Comune di Pieve di Teco si terrà la cerimonia per la consegna “simbolica” delle firme al FAI. Questo incontro avrà inoltre lo scopo di valorizzare l’impegno dei volontari coinvolti nella raccolta firme.

Durante la cerimonia verrà proiettato un breve documentario che ha come protagonista il casello stesso e se ne ripercorrerà la storia e l’importanza storico-culturale per la sua centralità nell’antica via di passaggio dal mare al Piemonte.

Lungo la Strada Statale 28 che collega il mare al Piemonte, poco prima dell’abitato di Pieve di Teco, il casello, un po’ malandato all’esterno, sta nel mezzo dello svincolo.
Ignoto probabilmente alla maggior parte dei residenti, custodisce all’interno una serie di colorati affreschi e una storia decisamente inattesa.
Sebbene nessuno studio approfondito sia stato fatto, gli storici interpellati concordano nell’attribuirgli il ruolo di casello del dazio, confermato dalla posizione strategica lungo una delle arterie viarie più importanti del Ponente Ligure.
Forse, dal XVII secolo, in tale posto di controllo si regolarizzava il transito, richiedendo un dazio ai mercanti di passaggio e, probabilmente, si controllava lo stato di salute dei passanti: era d’uso, durante le pestilenze, rilasciare attestati personali “di sanità”.

Wepesto nasce dalla passione per la propria terra di Ilaria Veneruso (guida turistica che opera in Cooperativa Omnia, principalmente ai Giardini Hanbury e Dolceacqua), Paola Faravelli (agente immobiliare esperta di marketing online e social network, fondatrice di iLiguria, Vacanzeliguria ed altri) e Nicola Ferrarese (albergatore e agricoltore, videomaker fondatore di Liguriainside).

Mission dell’associazione è la promozione del territorio, anche nei suoi aspetti meno noti, sfruttando le moderne tecnologie e le strategie di marketing, internet e social network.

La neonata associazione, fondata nel novembre 2014, conta oggi una ventina di soci accomunati dalla stessa passione ed obiettivi, con guide turistiche, gastronomi, appassionati di fotografia, agronomi, storici, esperti di marketing, sociologi, albergatori e ristoratori.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: