Attualità

IL MINISTRO POLETTI A SAVONA PER UN INCONTRO CON LE CATEGORIE ECONOMICHE

camera di commercio savona

di  Giorgio Siri

Il ministro del Lavoro Giuliano 
Poletti 
ieri sera, a Savona,
 ha incontrato le categorie economiche e le organizzazioni sindacali nella sede della Camera di Commercio Riviere di Liguria; a tenere gli onori di casa ovviamente il Presidente Pasquale.

Un incontro atteso per le categorie economiche del nostro territorio, colpito dalla crisi; ricordiamo che il Savonese è riuscito ad ottenere dal Governo il riconoscimento di Area di crisi complessa. Tirreno Power, Bombardier, Piaggio, sono le grandi aziende in difficoltà, ma, nell’insieme della provincia, su 69 comuni, 21 sono interessati dalla crisi. Ha affermato il ministro, a tale riguardo: “Il riconoscimento di Area di crisi è molto importante per il territorio, questo consente di prorogare la cassa integrazione e costruire un percorso per rilanciare le imprese. Ed è su questo che il governo sta lavorando: creare politiche attive. Il savonese in particolare, nonostante la crisi di importanti industrie, ha altre potenzialità, quali il terziario, il commercio, il turismo, l’attività manifatturiera”.

Infatti, secondo il ministro del Lavoro, sarà fondamentale per il rilancio economico il settore manifatturiero: “Siamo convinti che l’attività manifatturiera è, e sarà, la spina dorsale dell’apparato produttivo del Paese, attraverso il quale si potrà avere il rilancio economico”.

In seguito il ministro ha parlato dell’importanza del tema della transizione delle imprese e sull’importanza di innescare un processo di ripresa per l’esercito delle piccole e medie imprese. In particolare Giuliano Poletti ha discusso sull’importanza dell’alternanza scuola-lavoro: “Sarà fondamentale per la ripresa, inserire i giovani nel mondo del lavoro, per questo il governo ha attivato l’alternanza scuola-lavoro”.

Ad intervenire, nel contesto del confronto tra le categorie economiche savonesi e il ministro, il presidente dell’Unione Industriali, Alessandro Berta, che ha puntualizzato lo stato di crisi industriale, i rappresentanti sindacali Cgil-Cisl-Uil, che hanno evidenziato l’importanza del riconoscimento di area di crisi per la tutela dei lavoratori e il presidente di Coldiretti, Gerolamo Calleri, che ha sottolineato l’importanza della tutela del territorio.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: