Attualità

A PROPOSITO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA “ALLA TUA PORTA!”

di Giorgio Siri

Alla grande, a Loano, è in corso una campagna di comunicazione promossa dalla Società che, ivi, gestisce la raccolta dei rifiuti nel territorio comunale – Vedere in merito, sul nostro giornale, l’articolo, on line da ieri, 28 dicembre: “Loano, la raccolta differenziata alla tua porta..!” –  La campagna si articola con attività nelle scuole, punti informativi e apertura di un “centro del riuso” per promuovere, doverosamente, la raccolta differenziata e una maggior attenzione all’ambiente.Gli alunni delle scuole dovranno imparare bene che, una volta adulti, una delle fondamentali occupazioni che loro spetterà sarà di stoccare in casa i rifiuti prodotti per “conferirli” ove dovuto, nei giorni prescritti, magari come a Celle, dove gli utenti del centro storico devono ammucchiare in casa l’immondizia varia perchè i giorni in cui si può consegnarla sono tre su sette, quando compare un “cassone multicomparto” dal nome ammiccante di “eco-stop”, l’abbiamo già detto e ripetuto ma non ci si deve stancare di rammentarlo, attraverso i cui “flaps”- falde, appendici ribaltabile, si tradurrebbe – perchè l'”eco-stop” è anglofono, ebbene attraverso tali “falde” esso ingurgita i rifiuti di quasi ogni tipologia, stoccati dagli utenti, nel proprio domicilio, nei giorni precedenti, teoricamente anche un pacco di interiora di pesce risultanti dalla preparazione di un fritto per dieci persone o di dodici branzini al sale, perchè molti possono avere a pranzo o a cena, dieci o dodici commensali cui far gustare una specialità di pesce, o un mucchio di vetri rotti, perchè a tutti può capitare di rompere un servizio di bicchieri mentre, maldestramente, lo si sta portando su di un vassoio, magari per riporlo; dico teoricamente perchè è più che ammissibile dubitare che chiunque non sia affetto da qualche patologia si tenga in casa delle interiora di pesce, magari d’estate, per più di un pomeriggio; è facile immaginare, e lo vorrei dire all’amica Caterina Mordeglia, Assessore ai Lavori Pubblici a Celle, che chi produce tali rifiuti, il caso è tutt’altro che improbabile, se ne disfi in modi poco ortodossi, visto, parliamo sempre di Celle, che l’altro “eco-stop”, quello destinato ai non residenti, è sempre presente, ma proibito ai residenti!

Un’altra “amenità” riguarda il risciacquo dei contenitori; per rimanere nell’ambito di Loano, nelle prescrizioni per la raccolta dell’olio esausto, si avvisa che i contenitori dove esso sarà colato, dovranno essere privi di “eventuali residui di altra natura”, pertanto debitamente risciacquati, ma fin lì, riporre l’olio esausto è giusto che comporti particolari attenzioni, sperando sempre, beninteso, perché è più che lecito porsi dei dubbi, che la raccolta differenziata “differenzi” veramente e non faccia finire tutto nello stesso calderone! Ma quando si prescrive di risciacquare la scatoletta di tonno, il contenitore dell’insalata russa o delle lasagne, la lattina dei pelati o il “tetrapak” del latte, prima di riporli nel “secco non differenziabile”, non si pensa che per tali “scemenze”, mi si passi il termine, finiscono in secondo grado tutte le filippiche e tutti i bei propositi di cui di parla, o spesso si straparla, sul consumo eccessivo di acqua, sullo spreco di acqua, che noi ne abbiamo troppa ed altri no, sulle guerre per l’acqua che si faranno in futuro…!

Con ragione poi, il Comune di Savona lamenta i “furbetti del rifiuto” che abbandonano i sacchetti di immondizia per strada, vicino ai contenitori, e minaccia di sanzionarli in qualunque modo però sarebbe, non dico giusto, perché la giustizia non è di questo mondo, ma logico, che i collettori destinati al cosiddetto umido si trovassero accanto agli altri, riservati alla plastica, alla carta, al “secco non differenziabile”, a Savona eternamente presente, non altrove, come si riscontra, per cui bisogna peregrinare col sacchetto dell'”umido” per andarseli a cercare, e magari il tempo stringe e si deve andare al lavoro o a far spese o a pagare bollette!

Per finire, augurando alla Ditta di raccolta di Loano un buon lavoro e sperando che essa venga incontro anche alle esigenze degli utenti e non cerchi solo la collaborazione di essi per le proprie esigenze organizzative e logistiche, come sembra avvenga in altre situazioni, non si può non citare un’ultima chicca: sarà istituito un “centro del riuso”, in via degli Alpini, con interessanti iniziative dedicate agli utenti, indirizzato, lodevolmente, a “ridare vita alle cose e salvare dalla discarica tanti oggetti”. Presso tale “eco-punto” potranno essere portati e ritirati –  non saprei però da chi!- oggetti come piatti, posate e suppellettili, oggettistica, giocattoli, libri, indumenti, mobilio, reti e materassi, biciclette, passeggini e carrozzine, piccoli…R.A.E.E. Ora, per chi non é “psicopatico del rifiuto”, per rifarsi ad una frase di Walter Chiari – che aveva parlato, in altro contesto esilarante, di “psicopatico delle ferramenta”- essere a conoscenza di che cosa sono i R.A.E.E. non è così immediato! “Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche”, così significa la sigla misteriosa, però si da evidentemente per scontato, come fanno tante Amminitrazioni del resto, che la gente abbia già fatto il “corso”, che a volte sembra debba essere frequntato per muoversi agevolmente tra le prescrizioni e gli adempimenti!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: