Attualità

Vivere sino a 100 anni

di Pino Rosso

Longevità è un sostantivo  femminile e bene rappresenta la realtà (le donne sono più longeve), definisce la capacità fisiologica di un organismo di saper vivere oltre il limite ritenuto medio per la specie cui appartiene. Agli inizi del 1900 l’età medie per le donne era 43 anni, per gli uomini 42. Oggi il limite è salito a 78 e 75 e la nostra media di vita cresce, da almeno 60 anni, di 2 mesi/anno, si auspica possa essere portato a 120 anni (alcuni lo hanno  già superato). I nati nel XXI secolo hanno una aspettattiva di vita di circa 100 anni.                                                                                                                               Se guardiamo il regno animale emergono importanti realtà; esistono  organismi che non invecchiano, non muoiono mai. La “medusa immortale”, di piccole dimensioni, originaria dei Caraibi ora si può trovare in tutti i mari, è capace di rigenerarsi automaticamente.

La spugna atlantica vive nelle acque antartiche ha un ritmo di crescita estremamente lento (è stato ritrovato un esemplare  di circa 1500 anni ). La vongola artica può vivere da 405 a 410 anni. Le ostriche vivono sino a 400 anni. Le tartarughe terrestri possono raggiungere un peso di 250 kg e vivere 100/130 anni eccezionalmente sino a 250  come l’esemplare dello zoo di Calcutta Magari la scienza  riuscisse ad applicare queste peculiarità anche agli uomini.                                                                                                                             Particolari esempi di longevità umana, in Giappone, Grecia, Pakistan, Svizzera, Italia,  Irlanda, Spagna, Francia, Australia, Svezia, Israele  In Italia: Marche, Sardegna, temina Campania (Liguria e Piemonte navigano a metà classifica).               Per il Giappone in particolare nella città di Okinawa si riscontra una elevata media di ultracentenari.                                                                                                                                                            Ecco la ricetta in sei punti di questa gente che dimentica di morire: mangiare prodotti locali e di stagione, vivere senza fretta, dormire bene e fare un pisolino pomeridiano anche per giovani, specie in estate, essere liberi da legami negativi (stress), usare erbe e rimedi naturali e camminare almeno 30′ al giorno. Anche in Sardegna nell’Ogliastra dati eccezzionali, hanno suscitato l’interesse di un centro studi, pare letteralmente comprando la banca del genoma con dati e cartelle per 258.000 euro.  La finalità è raccolgiere dati per farmaci  per malattie autoimmuni e infiammatorie. Anche qui i dati emersi sono: valori genetici, ambientali e sociali, alimentari, carenza  di stress, stile di vita semplice, anche isolata, alimentazione povera. Famoso, quasi una barzelletta metropolitana il”minestrone dell’Ogliastra”.  Certamente per una prospettiva di longevità serve saper scegliere genetica “buoni genitori”,  stile di vita sereno, alimentazione povera e ricca attività fisica. Per invecchiare al meglio, serve un equilibrio tra novità, ripetitività (novità va assunta e digeritai,per avere automaticità servono 2 mesi), pensando che il bello deve ancora venire, facendo il possibile per curare il capitale salute, progettare un percorso, una meta senza fermarsi a metà. Partire da una analisi obiettiva,studiare come vorremmo essere,sostituendo vecchie abitudini, non più adatte, facendo riferimento ad un periodo positivo e cercare di ricrearlo (magro). Segnali di stanchezza, non al massimo della forma vanno combattuti con esempi positivi passati.  Per esempio zenzero,curcuma,semi di lino e un po’ spezie aiutano a star meglio. Meglio ridurre zucchero che grassi buoni (olio oliva). Al cervello servono hobby,stimoli per tenerlo attivo,essere, sentirsi utili.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: