Attualità

CAIRO: LAPIDE IN RICORDO DEGLI AGENTI DI SCORTA DI MORO, CON LA PRESENZA DEL CENTRO XXV APRILE – F.I.V.L.

di Giorgio Siri

Il Comune di Cairo Montenotte ha promosso una iniziativa encomiabile, nel ricordare, con una targa,  gli agenti della scorta dell’onorevole Aldo Moro, assassinati dalle Brigate Rosse, la mattina del 16 marzo 1978, quando lo statista pugliese venne da esse rapito. A settembre era stata inaugurata la lapide a ricordo di Moro; domenica scorsa 26 febbraio è stata la volta degli onori agli uomini della scorta: eroi finora anonimi, il cui sacrificio per il dovere e per lo Stato non sembra mai essere compensato come merita, pertanto è bene imprimere i loro nomi nella mente, a simbolo di tante altre vittime, non sempre ricordate, per la difesa del bene comune: i carabinieri Oreste Leonardi e Domenico Ricci e gli agenti di Polizia: Raffaele Iozzino, Giulio Rivera e Francesco Zizzi.

La stele in memoria degli uomini di scorta di Aldo Moro è stata scoperta nell’ambito di un altro evento civico, le celebrazioni per il 74° anniversario della battaglia di Nowo Postojalowka;  combattuta nel gennaio 1943, fatto d’armi che può essere definito lo scontro più impegnativo, per reparti impiegati e numero di caduti, sostenuto dalle Divisioni alpine in ritirata contro l’Armata Rossa, dietro le linee del Don; così scrisse, della battaglia, il generale Emilio Faldella, nella sua “Storia delle truppe alpine”: ” … quella sanguinosa, disperata battaglia che durò, pressoché ininterrotta, per più di trenta ore ed in cui rifulse il sovrumano e sfortunato valore dei battaglioni e dei gruppi della Julia e della Cunennse, che ne uscirono poco meno che distrutti. … la più dura, lunga e cruenta fra le molte sostenute dagli alpini, sia in linea sia nel corso del ripiegamento.”

Proprio di fronte alla sede degli Alpini è stato posto il cippo in memoria degli sfortunati agenti. Alla cerimonia hanno preso parte autorità locali civili e militari, l’Anpi Cairo, gli Alpini di Cairo, la Croce Bianca di Cairo e la Protezione Civile di Cairo. Don Mario, parroco della di San Lorenzo di Cairo, ha officiato la benedizione della targa; durante la cerimonia ha sfilato il Corpo Bandistico “Giacomo Puccini” di Cairo Montenotte.

Il nostro collaboratore Antonio Rossello, in veste di presidente e rappresentante del “Centro XXV Aprile – F.I.V.L.”, era presente alla cerimonia, con il fiduciario per la Val Bormida, Luigi Viglione, che ha consegnato una medaglia, a conclusione della Messa, al veterano alpino Leonardo Sassetti.

Rossello ci spiega, al riguardo:”Luigi Viglione è Fiduciario del “Centro XXV Aprile” – F.I.V.L. per la Valbormida savonese. Grazie alla presenza e all’apporto di Luigi Viglione, e dei nuovi e vecchi associati, in collaborazione con le Amministrazioni comunali e le associazioni locali, il comprensorio si arricchirà di nuove iniziative. Il Centro XXV Aprile, aderente alla Federazione Italiana Volontari della Libertà, (Ente Morale D.L. 16-4-1948 n. 430), si prefigge di rafforzare l’idea che i valori espressi dalla lotta partigiana, dalla Resistenza e dalla nostra Costituzione, nell’affermazione della libertà e della democrazia, siano sempre vivi e presenti nella società civile, anche attraverso la promozione di studi, mostre, incontri, convegni e iniziative editoriali, nell’ambito della Cultura e dell’Arte, quali libere espressioni dello spirito. Luigi Viglione, classe 1929, risiede a Cairo Montenotte, dipendente a riposo della Società 3M di Ferrania. Durante la lotta di liberazione ha fatto parte delle formazioni autonome di Enrico Martini Mauri. E’ vicepresidente per la Valbormida savonese dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci. Luigi Viglione, per rappresentatività e lucidità, dopo la scomparsa di Lelio Speranza, raccoglie il testimone di guida morale della FIVL savonese. Nell’occasione il giovane Francesco Rossello ha ricevuto da Viglione un attestato alla memoria del familiare Frumento Pietro, Meo,  nato a  Savona nel 1921, appartenente alla Div. Autonoma E. Fumagalli Brg Savona, caduto a Vesime il 12/02/1945, a cui è dedicata una Via nel Comune di Stella. La commemorazione Chiusa alle 13, con il rancio Alpino al ristorante -La Torre-.”

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: