Attualità

Savona informa gli anziani contro le truffe

Money concept

di Selena Borgna

“Sono contenta della numerosa partecipazione di oggi”, ha dichiarato il sindaco di Savona Ilaria Caprioglio durante la conferenza informativa per le truffe ai danni di anziani, “e purtroppo queste truffe colpiscono sempre di più le fasce deboli, come anziani ed adolescenti. In periodi di crisi reprimere è sempre più complicato a causa dei tagli ed è molto importante reprimere questi fenomeni ed incontri come questo saranno sempre più costanti. Riguardo ai tagli al sociale voglio dire come abbiamo ereditato un buco da 14 milioni di euro che dobbiamo ripianare nei prossimi 10 anni con un piano di riequilibrio decennale, che a malincuore comprendono cultura e sociale, ma sono frutto di un lavoro condiviso. Abbiamo fatto molti tagli cercando di mantenere i servizi in misura ridotta. Le precedenti amminiztrazioni avevano già alzato le aliquote al massimo e quindi non ci è stato possibile alzarle ulteriormente”.

“Da me vengono sempre più anziani truffati”, ha messo in evidenza l’assessore alle politiche sociali Cristina Bellingeri, “e ho potuto notare che provano vergogna per non aver capito di essere stati raggirati, ma dico loro sempre che chiunque, giovane o meno giovane, può essere truffato e non occorre provare vergogna”.

“Troppo spesso anche le associazioni sono vittime di truffa”, ha sottolineato Davide Pesce, portavoce del Forum Savonese del terzo settore, “e voglio ricordare che nessuna di queste raccoglie soldi casa per casa e se ciò accade occorre segnalarlo. Le associazioni serie e vere, come previsto dalla legge, rilasciano una ricevuta per le donazioni ricevute”.

“Ringrazio il comune e l’assessore Bellingeri”, ha ricordato Alessandro Ciuffolini, tenente del comando provinciale di Savona, “e troppo spesso la truffa si gioca sulla vergogna della vittima. Le truffe ai giovani sono più numerose di quelle agli anziani perché i nostri ragazzi passano le loro giornata su Internet. Le truffe su Internet vengono fatte a livello mondiale e, purtroppo, a volte persone senza scrupoli si fingono carabinieri o appartenenti ad altre forze dell’ordine infangando il buon nome dei veri agenti. Recentemente ha preso piede la truffa dei finti carabinieri che chiedono una cauzione per liberare il figlio o un altro parente dalla prigione, ma vorrei ricordare che il sistema italiano non prevede la cauzione. La cosiddetta truffa dell’apparecchio per rilevare il fumo ed il versamento della caparra fa sì che alcune persone versino una caparra pari a più della metà dell’ipotetico valore dell’oggetto e voglio ricordare che la caparra dev’essere pari al 10% del valore del bene, mentre la restituzione di somme in eccesso per utenze domestiche avverrà nelle bollette e mai a domicilio. Non bisogna vergognarsi di essere stati truffati e voglio ricordare che noi siamo a disposizione dei cittadini e per noi non è un disturbo essere chiamati se si ha il sospetto di essere truffati”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: