Cronaca

Una domenica speciale con ‘Vegia Savon-na’ e la compagnia ‘La Torretta’

di Laura Sergi

Domenica 5 marzo, alle ore 16, ci sarà un avvenimento speciale al Don Bosco di Savona: che si ricordi, mai era successo che la compagnia ‘La Torretta’ replicasse nel corso della stagione teatrale quello spettacolo che aveva portato sulle scene solo alcuni mesi prima, per la precisione a novembre… ‘Vegia Savon-na’ ritornerà quindi sul palco, per la gioia degli assidui frequentatori degli ex Salesiani e, ci auguriamo, anche dei tanti amanti del teatro amatoriale.

Di sicuro, un segnale positivo per tutti coloro che ruotano attorno al Teatro, anche dietro le quinte, e si prodigano per la migliore riuscita delle rassegne di via Piave 13, ovviamente in primis un’ottima occasione per congratularsi con il direttore artistico don Giovanni Margara e con la compagnia di casa, La Torretta, nata nel 1980, e che si è sempre caratterizzata portando in scena le più note commedie di Gilberto Govi e di altri autori liguri, nonché le pièce di autori italiani e stranieri, ottenendo anche numerosi riconoscimenti, sia di gruppo che per i singoli interpreti.

Considerando solo il periodo che va dal 1992 al 2016, e solo per rassegne e premi di Liguria, ci piace ricordare che il capocomico Lorenzo Morena è stato decretato sei volte Miglior attore e una volta Miglior regista, mentre Paola Rebagliati per ben tre volte è stata Migliore attrice (e l’elenco continua con Guido Chiappelli, Alessandra Crescini, Bruno Anselmo, etc.). In più, per cinque volte la compagnia è stata premiata per il Miglior spettacolo (di cui tre volte per la sezione dialettale).

Ma veniamo all’appuntamento con ‘Vegia Savon-na’: il titolo non tragga in inganno coloro che, magari giovanissimi, non sono accaniti frequentatori del Teatro. Lo spettacolo sarà allegro, vivace, divertente, in alcuni momenti anche, sì, malinconico, ma con tanti trallalero e filastrocche che trascineranno lo spettatore verso un mondo di cui ormai non rimangono che poche tracce… Scene

d’amore al chiaro di luna o sotto il balcone, le liti di quando si andava a lavare i panni al fiume, le bellissime ‘ramanzine’ d’un tempo, i vecchi giochi, le scenette all’osteria con il ‘gottu de vin bun’!

Un evento anche per pensare, perché non solo si vedrà la Savona di ieri e la Savona di oggi, ma anche le immagini futuristiche di quella che potrebbe diventare la nostra città un domani, con grattacieli che danno un calcio a tutte le nozioni di architettura, e ricordano tanto l’orribile progetto del Faro di Fuksas.

Sul palco, per i due atti ideati e diretti da Morena, anche Mimmo Basuino, Rosalba Bruzzone, Eugenio Calleri, Crescini (nella foto), Aldo Curti, Roberta Ferraro, Bruno Freccero, Gianna Marrone, Nino Segreto, Giovanni Vadalà e Marco Ventura, oltre all’autore stesso. Brevi istanti anche con le giovanissime Chiara Frigerio, Martina Serra e Sofia Vallerga, e momenti di danza con Giuse Cavanna e Rino Alfieri, ballerini della scuola Janua di Genova. Costumi di Graziella Mottola e Rebagliati (in un collage particolarmente azzeccato agli applausi per un ritorno che fa ripiombare nel ‘qui e ora’); canti di Massimo Vaccaro e scene di Giulio Tassara; luci, musiche e video di Andrea Ghersi e Wilma Negro.

Un pomeriggio divertente vi aspetta. Non perdetevelo!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: