Attualità

18 marzo, il ricco programma per la festa patronale

Come sempre ricco di occasioni di incontro, preghiera e non solo il programma di iniziative e di manifestazioni per la ricorrenza del 18 marzo, 481° anniversario della prima apparizione della Madonna di Misericordia al Santuario, festa patronale della città di Savona e dell’intera diocesi. Dallo scorso giovedì prosegue, tutti i giorni alle 20.30, la novena di preparazione alla festa con la recita del rosario con diverse sedi: oggi e domani al Santuario, mercoledì 15 all’ottava cappelletta a Riborgo, infine giovedì 16 ancora in Basilica. Venerdì 17 marzo, alle 17,30, nel palazzo Azzarie sarà inaugurata la mostra “Il Santuario in bianco e nero, fotografie storiche tratte dall’archivio delle Opere sociali di N.S. di Misericordia” curata da Patrizia Peirano e da Magda Tassinari. Nell’occasione verrà anche presentato il catalogo fotografico in bianco e nero. L’archivio delle Opere sociali conserva un’interessante raccolta di immagini storiche risalenti al secolo scorso, riguardanti il complesso monumentale del Santuario e le strutture assistenziali ad esso strettamente connesse: nelle foto viene illustrata la vita che vi si svolgeva, nei suoi momenti più solenni come in quelli quotidiani. Sono immagini che ci restituiscono il fascino di una realtà genuina e pittoresca ormai lontana. La mostra propone al pubblico la visione di questo materiale, quasi tutto inedito. Un’occasione non solo gradevole per rivivere i ricordi, ma soprattutto stimolante per ripercorrere la storia di un’istituzione antica che ha avuto una funzione importantissima per la storia della città. Sempre venerdì 17, vigilia della festa, alla sera, a cura delle confraternite, sarà recitato il rosario, alle 20,15 davanti alla prima cappelletta a Lavagnola e alle 20,30 presso l’ottava lungo la strada verso il Santuario. Cappellette che, come vuole un’antica tradizione devozionale, saranno abbellite con fiori e immagini mariane a cura degli abitanti delle borgate vicine. E come da tradizione si illumineranno le finestre delle case della città e della valle del Letimbro con i “balunetti”, mentre lungo la vallata, saranno accesi grandi falò sul greto del torrente. Sempre parlando di luci, intorno alle 20.30 a San Bernardo in Valle partirà la fiaccolata promossa dal Csi, a cui parteciperà anche il vescovo Gero Marino, che arriverà al Santuario verso le 21 quando sarà conclusa dalla preghiera dello sportivo in Basilica. A seguire la veglia di preghiera diocesana “La parola è un dono, l’altro è un dono” a cura dell’Azione Cattolica e dell’Usmi (Unione superiore maggiori d’Italia, ovvero le religiose), sempre con la partecipazione del Vescovo. Durante la preghiera, strutturata a rosario meditato ma con un taglio più penitenziale, ci sarà anche la possibilità di confessarsi. Al termine della veglia, intorno alle 22, sempre all’interno della Basilica, si svolgerà un concerto a cura della Banda Forzano, con un quartetto di sassofoni e il soprano Cinzia Scamuzzi. Sabato 18 marzo, giorno della festa, la tradizionale processione votiva partirà, come sempre, alle 7 da piazza Duomo e si snoderà, attraverso il centro, Lavagnola e poi lungo la provinciale che affianca il Letimbro, fino al Santuario. Al corteo sacro, il primo guidato dal nuovo vescovo Calogero Marino, parteciperanno il clero diocesano, autorità civili e militari, le confraternite e ovviamente migliaia e migliaia di fedeli che non rinunciano all’appuntamento con la loro madre celeste. La processione, aperta quest’anno dal crocifisso, recentemente restaurato, dell’Arciconfraternita della Santissima Trinità, sarà animata da un rosario della misericordia curato da don Angelo Magnano e arriverà in piazza della Basilica intorno alle 9. Qui, tempo permettendo, alle 9.30 sarà celebrata la Messa principale della festa: il pontificale presieduto dal vescovo Marino concelebrato dal vescovo emerito Vittorio Lupi e da numerosi altri sacerdoti della diocesi. I canti saranno affidati a un grande gruppo vocale diretto da padre Piergiorgio Ladone che raduna numerose corali diocesane, specie quelle cittadine. Le altre Messe del 18 marzo al Santuario saranno celebrate nei seguenti orari: 6, 7, 8, 11,30 e 17,30; mentre il rosario inizierà alle 15 sino ai vespri delle 16,45. Per tutta la giornata del 18 marzo, inoltre, si potrà visitare, il museo del Tesoro del Santuario, attualmente aperto solo su richiesta. Infine domenica 19 marzo alle 21 in Cattedrale a Savona, “Concerto della Misericordia” appuntamento benefico in favore del “Centro aiuto alla vita” organizzato dall’Istituto diocesano di musica sacra, dalla cappella “Bartolomeo della Rovere” e dall’orchestra fiati “Forzano” di Savona. Dirige il maestro Igor Barra, al pianoforte Bechstein (1989) il maestro Paolo Venturino: in programma brani di Mozart, Barber, Grieg. “Una proposta tipicamente cristiana: innalzare lo spirito a Dio, in questo caso attraverso la musica, e nel contempo tendere una mano fraterna e sollecita alle necessità dei più poveri – spiega il rettore del Duomo don Giovanni Margara – è il tema della misericordia”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: