Attualità

Birra al Chinotto: da Savona all’Inghilterra

Ora che il Regno Unito si appresta – e fa male – a lasciare l’Unione Europea, in quelle terre da birra sta per arrivarne da Savona una, dal gusto raffinatissimo che, proveniente da noi, terra di basilico, oltre che di chinotto, e di poco vino da intenditori, sarebbe un vero regalo “europeo”. Infatti il gusto di Savona incuriosirà i palati per la nuovissima birra pronta a sbarcare nel Regno Unito. Il lancio sul mercato è l’iniziativa di un noto produttore e distributore italiano, ma la materia “parla”, per la precisione, savonese: grazie ai chinotti di Besio.

Fra qualche giorno le bottiglie di “Ambra”, questo il nome scelto per la bevanda, saranno disponibili nei circuiti prima londinesi e poi generalmente anglosassoni. Portando un po’ di Liguria in un Paese che di birre se ne intende, con consumi che si possono, se non si possono quantificare a fiumi,almeno a torrenti…

Besio da più di un secolo è sinonimo di chinotti e frutta candita. Negli anni l’azienda è riuscita a conquistarsi nomea anche fuori Savona e Liguria. Gli agrumi si raccolgono nei poderi che si estendono in provincia e la lavorazione si svolge integralmente all’interno della ditta. Il valore local è sempre più apprezzato a vasto raggio.

Dopo tre anni di ricerca e collaborazione con uno dei birrifici più importanti in Italia, Besio approda tra gli inglesi con i chinotti tipicamente savonesi. La nuova birra è ideata per essere consumata soprattutto come bitter, secondo il rituale dell’aperitivo nostrano, un pre-dinner per incoraggiare l’appetito. Da versare in un tumbler, con ghiaccio e fettina d’arancia.

C’è già l’interesse dei cosiddetti master of mixology per creare nuovi cocktail inediti sulla base della nuova birra. Sono anche in programma eventi e degustazioni nei locali cruciali di Londra, per un lancio in grande stile.

Ma il beneficio di questa operazione è anche incrociato, perché può avere un risvolto turistico: per sette mesi gruppi di “degustatori” inglesi giungeranno nelle piantagioni di chinotto, per apprezzare sul posto, direttamente, le proprietà del frutto e della sua filiera tradizionale. Nella città della Torretta e nei dintorni. Un’iniziativa che valorizzerà, insieme al prodotto, un intero territorio.

“Siamo felicissimi di questo lancio nel Regno Unito, dopo tre anni di ricerca e collaborazione – commenta Vincenzo Servodio, amministratore della Besio – L’infuso che già utilizzavamo per sciroppi e bevande ora diventa il cuore di una birra innovativa, che viene commercializzata nel mercato inglese, ma per essere poi distribuita anche nel resto del mondo. Un risultato importantissimo sia per il chinotto, che da 2004 in poi vive una grande riscoperta, sia per l’immagine di Savona e della Liguria”.

“Non solo – aggiunge Servodio – Dal primo aprile sino ad ottobre, in più riprese, gruppi di circa 20 persone dal Regno Unito atterreranno all’aeroporto di Genova per spostarsi in Riviera e visitare i terreni sui quali vengono coltivati i chinotti. Con loro ci saranno i giornalisti di grandi testate inglesi. Un evento promo-turistico fondamentale per il nostro territorio”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: