Rubriche

“Calciando in rete”: l’highlander del calcio che continua a stupire

Durante la sua lunghissima attività sportiva che lo ha visto impegnarsi con merito in tutti i ruoli ufficiali(calciatore, allenatore, dirigente, direttore generale ed infine presidente) previsti negli organigrammi il personaggio di cui vi voglio parlare (evidenziandone le indiscutibili qualità), ha sempre pensato a premiare gli altri. Dinamicissimo creatore e gran cerimoniere di eventi che hanno superato i limiti geografici della nostra provincia giungendo agli onori delle cronache nazionali e oltre, ha dispensato premi e riconoscimenti a tanti protagonisti del mondo del pallone e non solo, dando lustro alle loro imprese. In omaggio a tale costanza e dedizione, ho sentito il dovere ed il piacere di regalargli in concomitanza del raggiugimento di una data storica (il compimento degli ottant’anni) una nota biografica degna di quel campione di longevità agonistica che ha dimostrato di essere. Carlo Pizzorno ( per gli amici affettuosamente “Pizza”) è nato a Cengio nel lontano 1937. Cresciuto nelle fila granata del suo paese, gioca a calcio dai 15 a 25 anni. A 27, inizia ad allenare la società natia per un biennio. Nel 1971 approda come coach alla Cairese e vi rimane fino al 1984 in qualità di responsabile del settore giovanile per emigrare quando arriva il mitico Presidente Brin. Passa quindi alla Carcarese per una sola stagione, dove crea il forte vivaio voluto dal Presidente Pastorino. Chiamato dal Savona segue gli allievi nazionali e l’anno successivo la Beretti quando la prima squadra è allenata da Locatelli. Ritorna ancora a Cengio per un paio di anni dove rifonda il parco giovani ed così fa a Millesimo.Nel 1990 viene richiamato dalla gestione gialloblù del Presidente Franco Pensiero per ricreare dalle fondamenta anche in questo caso l’intera architettura del settore giovanile, raggiungendo in breve tempo  quota 300 ragazzi iscritti. Diviene presto Direttore Generale ed inventa dal nulla il prestigioso Torneo Internazionale di cui tutti sanno. Dopo 23 anni lascia per la terza volta la Cairese per approdare nuovamente con i biancorossi dando vita anche qui al Torneo Internazionale Città di Carcare, giunto ormai alla quinta edizione. Da 3 anni è Presidente dell’ASD Olimpia Carcarese, squadra che milita nella seconda categoria con mire ambiziose e che consta di ben 95 tesserati. Fiore all’occhiello della sua produzione in questi ultimi anni è stato il Memorial Giacomo Comparato riservato nel 2017 ai Giovanissimi 2003, che Lunedì 3 Marzo nella splendida cornice del Teatro delle Rose verrà presentato agli appassionati con il tradizionale contorno di celebrità. Lo svolgimento della manifestazione è fissato per il weekend tra il 28 aprile ed il 1° maggio ed anche stavolta, saranno presenti i grandi club professionisti che solamente il nostro istrionico promoter sa’ calamitare. Che dire se non : auguroni Direttore! Che il “fuoco sacro” di Olimpia di cui sei custode illumini la tuo cammino verso sempre nuove e vincenti avventure.

BALI

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: