Attualità

Mirko Mileto: quasi mezzo secolo di calcio… giocato!

“C’è una sola grande moda: la giovinezza”, diceva il giornalista Leopoldo Longanesi.

Per Mirko Mileto, 49 primavere compiute ieri, la “moda di essere giovane” sembra non finire mai; da qualche domenica, infatti, sta vestendo la maglia da titolare del Mallare, compagine impegnata nel girone B di Seconda Categoria.

Niente di meglio del giorno del proprio compleanno per un’intervista a tutto tondo, con uno sguardo al passato ma, cosa più importante, parlando anche del futuro.

Titolare, a 49 primavere, in Seconda Categoria, oltre alla passione per questo sport c’è qualche altro segreto?

“La passione è la parte principale, ma contano anche alimentazione e cura della forma fisica; poi, dico la verità, sono titolare anche a causa di infortuni e squalifiche di qualche compagno!”

Il calcio dilettantistico è cambiato rispetto a quanto hai iniziato? 

“E’ cambiato il livello, oggi è un po’ sceso rispetto a trent’anni fa e anche investimenti e sponsor sono minori a causa della situazione economica attuale; a livello di spogliatoio c’è più democrazia e anche i giovani possono dire la loro a differenza di quanto accadeva un tempo”.(meno male! ndr)

La stagione del Mallare non è stata molto positiva, c’è comunque qualcosa che salveresti?

“Sì, è vero, è stata una stagione “no”! Io sono arrivato a dicembre dall’Altarese consapevole della situazione, ma direi che l’impegno ci sia stato da parte di tutti: società, mister, giocatori; sicuramente i punti in classifica non rispecchiano l’esatto valore della squadra, però è indubbio che ci manca qualcosa nella concentrazione, nell’esperienza e nella finalizzazione, ma salverei la coesione del gruppo e qualche buona individualità oltre a qualche giovane che ha buoni margini di miglioramento!”

Sul tuo profilo Facebook campeggia la foto della Letimbro, squadra in cui ti sei guadagnato il soprannome di “Zio”, è la realtà alla quale ti senti più legato?

“Indubbiamente la Letimbro è una squadra alla quale sono legato e dove ho trascorso quasi sei anni, dalla Terza categoria fino alla promozione in Prima; ma sono affezionato anche alle mie altre squadre savonesi, il Valleggia, lo Speranza, l’Altarese e adesso il Mallare; la foto in copertina alla quale ti riferisci ha due significati: il primo riguarda i giocatori della Letimbro con cui ho giocato di più che sono nella foto e l’altro è che tutti indossavamo una maglietta in ricordo del nostro allenatore Giuseppe “Pino” Rizzo, scomparso prematuramente qualche settimana prima”.

Cosa farà Mirko Mileto “da grande”, pensi di continuare in veste di dirigente, ti piacerebbe fare il mister o abbandonerai il calcio dilettantistico?

“Non ci ho ancora pensato (ride). Mi piacerebbe riuscire a giocare almeno fino a cinquanta! Il problema è trovare un allenatore “coraggioso” che mi metta in campo! A parte gli scherzi, non mi dispiacerebbe fare il secondo di una squadra giovanile, un giorno… c’è ancora tempo!”

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: