AttualitàBuongiorno Savona

Arboscello, sindaco di Bergeggi, sulla direttiva Bolkenstein

Continuano le prese di posizione sull’applicazione della direttiva  Bolkenstein alle concessioni demaniali marine. Il Sindaco di Bergeggi,  Roberto Arboscello prende lo spunto dall’iniziativa di Angelo  Vaccarezza, capogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale, di invito  ai Sindaci dei Comuni costieri per promuovere un’audizione alla  Commissione parlamentare che si occupa della Legge delega sul riordino  della materia delle concessioni demaniali e commenta: “Capisco che  Vaccarezza sia in piena campagna elettorale, ma utilizzare la  discussione sull’applicazione della direttiva Bolkestein sulle  concessioni demaniali marittime ed sul relativo ddl di delega a tal fine  è poco rispettoso per le oltre 1200 imprese balneari liguri e poco serio  per una tematica così delicata, in un momento cruciale come questo”.  “Molti sindaci come il sottoscritto, indipendentemente dal colore  politico, hanno aderito al suo invito di scrivere alla Commissione  finanze chiedendo di essere uditi, sapendo benissimo che pur essendo  un’iniziativa lodevole era più una provocazione, essendo impensabile che  tutti i Sindaci potessero essere uditi”.  Prosegue: “Infatti pur essendo da apprezzare le varie iniziative singole  dei comuni abbiamo da sempre  ritenuto che la strada maestra per meglio  e più autorevolmente rappresentare la volontà dei comuni liguri fosse  quella di attivare l’ANCI regionale affinchè convocasse con la massima  tempestività un incontro di tutti i sindaci dei comuni rivieraschi per  discutere e definire una linea comune sul ddl. A seguito della mia  iniziativa e di quella di altri miei colleghi Anci ha convocato i Comuni  Costieri della Liguria, che si riuniranno Martedì 2 Maggio alle ore  13,30 a Genova, Palazzo Ducale Sala del Camino, per definire la  posizione di Anci Liguria al riguardo”.  “All’incontro è stato inoltre invitato Andrea Gnassi, sindaco del Comune  di Rimini e Delegato ANCI per il turismo e le concessioni demaniali, con  cui peraltro sto prendendo contatti diretti in queste ore. Quindi, pur  essendo solo il punto di partenza, non possiamo che ritenerci per ora  soddisfatti”.  “Ora l’auspicio è che i sindaci liguri possano concordare una linea  comune e presentarla a Gnassi, senza alcun pregiudizio o posizione  dettata dalle appartenenze politiche, in modo che possa portare le  istanze liguri nelle sedi opportune. Vaccarezza poche ore fa ha chiesto  ad Anci Liguria se c’era di battere un colpo e il colpo mi pare che Anci  l’abbia battuto raccogliendo il nostro invito. La smetta di evocare  fantomatiche grandi cooperative rosse pronte a normalizzare e gestire il  litorale, a chiamare in causa come dice lui “le coop piddinoromagnole”,  di sminuire l’attività di Anci definendola una scatola vuota al servizio  di una sola parte politica”.  “Molti sindaci come il sottoscritto trovano apprezzabile l’azione  dell’assessore Scajola atta a esaltare la tipicità delle nostre imprese  balneari, ma smettiamola con polemiche e strumentalizzazioni. Proviamo a  lavorare tutti insieme per una soluzione comune. Noi sindaci sono  convinto che lo faremo, per i nostri territori, a partire da martedì. Un  ringraziamento particolare a Pierluigi Vinai e ad Anci Liguria per  l’attenzione e soprattutto per la tempestività mostrata” conclude il  sindaco Arboscello.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: