Attualità

Camere di commercio liguri ad un anno dall’accorpamento

L’elaborazione effettuata dall’Istat (Istituto di statistica) sui
bilanci consuntivi dell’esercizio 2015 delle Camere di commercio
italiane, trasmessi all’Istituto di Statistica nel 2016, ha fotografato
l’evidente stato di (cattiva) salute in cui parrebbe essere precipitato
il sistema camerale in seguito ad una riforma che, come primo
provvedimento, nel 2015, aveva imposto un taglio del 35% del “diritto
camerale”, ovvero del contributo richiesto alle imprese per sostenere le
spese di funzionamento degli Enti e per finanziarne gli interventi in
campo economico.

Il campo di rilevazione dell’indagine Istat ha riguardato le 104 Camere
di commercio presenti sul territorio nazionale nel 2015, ovvero prima
delle fusioni rese necessarie dai problemi di bilancio. Oggetto della
rilevazione sono le state le voci economiche contenute nello stato
patrimoniale e nel conto economico dell’esercizio 2015. L’effetto della
riforma sul conto economico, ovvero sulla gestione, è stato immediato:
il sia pur lieve avanzo di esercizio registrato complessivamente dal
sistema camerale nel 2014 (656 mila euro), si è trasformato l’anno
successivo in un disavanzo (eccedenza delle uscite sulle entrate) di 49
milioni 569 mila euro.

In particolare, per quanto riguarda la Liguria, che allora comprendeva
le quattro camere di commercio di Genova, Savona, La Spezia e Imperia,
l’andamento è stato apparentemente diverso, in quanto il disavanzo del
2014 (-3,4 milioni) si è ridotto a meno di 1,5 milioni, ma solo grazie
al ricorso a proventi finanziari e straordinari. Significativo il fatto
che ad un calo di circa 2 milioni del disavanzo sia corrisposto un
decremento di pari entità del patrimonio complessivo degli enti liguri.

I proventi delle quattro camere liguri sono scesi in un anno da 40 a 29
milioni di euro, in linea con la flessione delle entrate da diritto
fisso, passate da 31 a 20 milioni di euro dopo la decurtazione del 35%.
Gli oneri correnti hanno dovuto seguire un’identica contrazione,
passando da 47 a 36 milioni. Alcune voci di spesa non hanno potuto
essere compresse (quelle per il personale sono salite da 10,4 a 10,8
milioni), mentre le spese di funzionamento sono scese da 11,4 a 10,4
milioni. Ma a subire i tagli più consistenti sono state le spese per
interventi in campo economico (da 11,3 a 6,8 milioni) e gli
ammortamenti, passati da 13,2 a 8,4 milioni.

Quanto allo stato patrimoniale, ovvero la situazione economica,
l’erosione di 2 milioni rispetto al 2014, ne ha fatto scendere l’entità
a complessivi 157,7 milioni di euro. Non sarà certamente andata meglio
nel 2016, quando il taglio del diritto fisso è stato portato al 40% e ci
si deve aspettare un ulteriore decremento per quest’anno, con la
prevista nuova riduzione al 50% di quanto era sino al 2014.

L’Istat ha elaborato anche i dati relativi alla consistenza degli
organici camerali. I dipendenti delle 104 camere di commercio a fine
2015 erano 7.240, con una flessione di 250 unità rispetto all’anno
precedente. Nelle quattro camere liguri i dipendenti erano 242 (85
uomini, 157 donne), dodici in meno rispetto al 2014. Secondo qualifica,
erano suddivisi in 2 segretari generali, 5 dirigenti, 44 del gruppo D,
128 del gruppo C, 59 del gruppo B e 4 del gruppo A.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: