Attualità

Calcio, Serie D: Savona secondo, Murano protagonista del 4-1 casalingo

Il Savona saluta il pubblico del “Baci” a testa alta, ora tocca alla Massese. Il Gavoranno festeggia la promozione in Lega Pro.

Il Viareggio di mister Bresciani – privato dei suoi tifosi – finisce K.O. nella penultima giornata di campionato, disputata nella cornice del “Bacigalupo” di Savona.
A spegnere le speranze dei toscani è sempre lui, Jacopo Murano, scatenatissimo sulla scia della grinta profusa nei giorni scorsi da mister Siciliano, che sconta l’ultima giornata di squalifica sgolandosi dalla Tribuna Superiore perché lui, il tecnico dei miracoli, di sicuro non ha fatto brutta figura.
Dopo l’impietosa sconfitta di Lavagna, la vittoria odierna degli Striscioni non era scontata, tanto più che l’obiettivo di agguantare il Gavoranno (obiettivo portato avanti dai tifosi e maturato nel corso del campionato) era pressoché sfumato. I bianconeri hanno giocato, quindi, con l’intenzione di portare a casa un risultato positivo ed evitare i play-out.

IL MATCH – Partenza sprint per il Savona, Siciliano opta per Lumbombo dal primo minuto con Bordo in mediana, niente chance per De Martini, che entra solo nella ripresa.
Dopo 3′ Damiani apre le danze quando il suo tiro incontra sia i guantoni del portiere Carpita, sia il palo; sugli sviluppi del calcio d’angolo Murano svetta tra tutti, ma l’estremo difensore nega nuovamente il vantaggio. Il numero 10, Damiani, non si vedrà molto nel prosieguo del match.
Trascorsi i primi 10′ minuti è poi il Viareggio a prendere coraggio, complici alcune leggerezze biancoblù: tre calci d’angolo consecutivi; una conclusione di Papi e diverse incursioni. Il possesso palla biancoblù è poco incisivo, le “pause” del Savona permettono agli ospiti di riguadagnare campo e sporcare le verticalizzazioni.
Al 31′ arriva il GOL del Viareggio: Marinai tocca a rete di testa, assist di Vitiello, bravo a servire a mezza altezza il compagno lasciato solo in area.
Sconforto casalingo archiviato dopo solo un giro d’orologio: Lumbombo crossa dalla sinistra e trova Murano, che batte il portiere dando il via alla reazione savonese.
Ancora biancoblù, ancora Lumbombo a servire Ruggiero, che trova il difensore anziché la porta.
Da segnalare il tentativo di Gallo al 43′: la sfera finisce sull’esterno della rete dando l’illusione del gol.
Niente recupero in questa prima frazione di gara, Il Savona rientra negli spogliatoi con un bilancio non proprio soddisfacente; bene i primi minuti, poi incespica perdendo vigore riprendendosi giusto in tempo per segnare.

Avvio della ripresa più equilibrato, il risultato di parità favorisce la squadra ospite. Dopo l’ammonizione e la sostituzione di Lumbombo, il Viareggio mette alla prova i riflessi di Miraglia prima con Marinai, poi al 55′ con Mengali che trova uno spiraglio tra i difensori.
Al 60′ cambio di fronte e GOL biancoblù: Murano porta i suoi in vantaggio grazie alla pennellata di Glarey.
Al 62′ il Savona chiude la partita aiutato da Genovali, colpevole di una respinta fuori misura che termina nella porta sbagliata.
Bianconeri che pare abbiano accusato il colpo, la partita si fa meno intensa.
Tripletta di Murano all’80’, la punta biancoblù sigla il 4-1 a riprova del suo talento: punizione dai 25 metri impeccabile, barriera e portiere immobili.
La gara volge quindi al termine ancor prima dei 90′ regolamentari, nelle ultime battute le uniche emozioni sono date da falli e fallacci e da un’espulsione ai danni di Mengali tra le fila bianconere.
Tre punti fondamentali per riconquistare un secondo posto che vale oro sotto il profilo dell’orgoglio e della grinta, che servirà ad affrontare l’ultima fatica della regular season in casa della Massese.

Dagli altri campi arrivano notizie più che positive per le sorti del campionato: l’acerrima nemica Sanremese “aiuta” il Savona battendo la massese per 1-0; il Gavorrano ipoteca la vittoria finale e ferma l’ambiziosa Lavagnese, che si era avvicinata pericolosamente alla seconda posizione.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: