AttualitàCultura e Musica

Filippo Bagioli espone all’ Agriturismo “ Tre colline in Langa ” di Bubbio

Filippo Biagioli non è artisticamente analfabeta, nonostante ciò che dichiara: ha visto e studiato l’arte , subisce il fascino del suo tempo, che è il tempo ad esempio di Basquiat, e lo dichiara . Dell’arte moderna conosce i meccanismi, ha seguito per un certo periodo il percorso comune a chi vuole vivere facendo arte: gallerie, mercanti, mostre. 

Probabilmente il freschissimo disincanto toscano che lo caratterizza – e la sua straordinaria curiosità insieme colta e ingenua- gli hanno consentito di capire rapidamente che non era storia per lui, e a quel punto ha fatto una scelta, semplice e sovversiva, usando con naturalezza gli strumenti che ogni suo coetaneo ben conosce: prima ha aperto un negozio virtuale su Ebay, grande suk tribale e gobale, e si è misurato con il mondo. 

Già questo gesto sovverte, perchè spazza via il carrozzone ipocrita e abitualmente mediocre delle gallerie, dei mercanti, dei critici, ripulisce da ogni incrostazione il rapporto tra chi fà arte e chi ne gode. Filippo ha fatto di più : ha dato al suo lavoro un valore iniziale certo e concreto, proponendolo nelle aste on line con basi di partenza reali pari al costo di un paio di  pizza. Pensate alle implicazioni in un modo dove Cattelan costa come cinque Tintoretto, dove raramente ciò che si paga per un’opera d’arte coincide con ciò che si realizza dovendo venderla. Quello di Filippo è un gesto di grande presunzione e di grande coraggio, perchè  quotidianamente sottopone il suo lavoro al giudizio concreto della realtà: in cambio ne ottiene però un rapporto autentico, tutto costruito sul convinto piacere del godimento quotidiano di un’opera d’arte che entra nel complesso mondo di simboli e di luoghi dell’anima che sono le case autenticamente abitate: arte per ciascuno, e non per tutti. Una scelta che negli anni ha pagato: oggi Biagioli espone e vende stabilmente ( e a prezzi sempre ragionevoli…) in Musei e Case d’Asta internazionali .

 Inoltre Filippo, più o meno consapevolmente , ripropone un ruolo dell’artista/artigiano antico e insieme modernissimo, simile a quello dei pittori anteriori al ‘500, libero da una personalizzazione esasperata che attribuisce più valore al personaggio/artista che alla sua opera.  Un’arte per il terzo millennio, così bisognoso di liberarsi dalla dittatura della mediocrità e dell’ipocrisia. 

Da questi presupposti nasce l’uso di materiali inusuali per il lavoro dell’artista: Stoffe, plastiche ricucite con elementi tessili o con un semplice segno, polaroid sovradipinte o incise…Parte di queste opere storiche, provenienti dalla Collezione Tribaleglobale del MAP, il Museo Nomade di Arti Primarie , sono visibili dal 1 al 30 giugno presso l’ Agriturismo “ Tre colline in Langa “ in Regione Pantalini 157 a Bubbio ( Asti ) . Inaugurazione e agriapericena a partire dalle 19 del 1 giugno.

Iniziativa a cura del Museo di Arti Priamarie, con la collaborazione della FIVL Sezione Alto Monferrato e Langhe e del Centro XXV Aprile.

FILIPPO BIAGIOLI
stoffe, plastiche e fotografie
dalla Collezione Tribaleglobale
1/30 giugno ’17 Bubbio

 

Giuliano Arnaldi, Direttore di Fondazione Tribaleglobale

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: