Attualità

Sport? Sta diventando un vero e proprio lusso

Sono tempi difficili per le sempre più “povere” Società Sportive Dilettantistiche che, oltre ad essere alle prese con i consueti problemi organizzativi e quelli legati alla impiantistica, devono fare i conti con una realtà economica a dir poco tragica! Il futuro non è affatto roseo.
Una situazione che sta diventando davvero inaccettabile e insopportabile per quei piccoli e medi club sportivi che da anni promuovono lo sport tra i giovani.
I costi per la gestione di una Società Sportiva Dilettantistica sono così elevati che presidenti e consigli direttivi si chiedono se sia il caso di andare avanti o di chiudere bottega.

Inutile ricordare che le casse delle società sono asfittiche: il Comune ha, per motivi legati al bilancio, chiuso e sepolto ogni forma di contributo e aiuto economico, aumentando però i ticket per l’utilizzo degli impianti comunali che, dal momento che il Comune non può più elargire contributi, dovrebbero almeno essere dati in utilizzo gratuito.
Sarebbe questo un aiuto tangibile e concreto a supporto delle Società Sportive che l’Amministrazione dovrebbe ringraziare per l’altissima opera sociale che esse svolgono sul territorio in aiuto di una gioventù che resta sempre più allo sbando, perché sempre più priva di ideali.
Ma se il Comune non può tirare fuori un euro, stessa musica è per il Coni, anche lui costretto a fare i conti ed impossibilitato, per mancanza di fondi, ad aiutare le Società Sportive come ha fatto nello scorso decennio con i contributi Provinciali e Regionali che oggi sono soltanto un ricordo. Anche il CONI quindi, è alle corde e stenta a trovare i mezzi per adempiere ai suoi importanti compiti istituzionali che riguardano ormai, solo la preparazione olimpica delle squadre nazionali.

Cifre che, messe insieme, diventano esorbitanti ed è facile cadere nell’illecito.
Per contro la parola “Sponsor” o “piccola sponsorizzazione” che sia, è completamente uscita dal vocabolario sportivo: con i tempi che corrono non si trovano nemmeno poche spiccioli per un depliant pubblicitario.
Le Società Sportive, peraltro, non possono basarsi solo ed esclusivamente sulle quote sociali che vengono versate dalle famiglie degli atleti: la crisi fa sì che buona parte delle famiglie non versino nemmeno più la quota di iscrizione con le casse dei sodalizi che continuano a restare vuote con bollette e fatture che, in ogni caso, vanno pagate.
C’è, quindi, il grosso rischio che molte Società si vedano costrette a chiudere le serrande ed a demandare ad altri (a chi?) gli oneri di proseguire l’attività sportiva a favore dei giovani.
Occorre un’immediata e precisa presa di posizione da parte delle autorità preposte che, molto semplicemente, devono rendersi conto dell’importanza e della valenza sociale che lo sport dilettantistico ha verso la nostra gioventù che deve essere risanata e guarita con l’unica medicina possibile che è quella di “fare dello sport” e di seguirne i valori ed i principi.

Coni, Comuni, Regione (rea di aver cancellato totalmente i contributi alle Società sportive) devono mettersi intorno a un tavolo e cercare delle soluzioni a favore dei Club dilettantistici: le chiacchiere e le belle parole non servono più a niente, come a poco servono i congressi e le tavole rotonde che non risolvono i problemi alla loro radice.

La buona volontà, la passione, lo spirito di sacrificio non bastano più! I dirigenti e gli operatori sportivi hanno fatto e stanno facendo fin troppo: occorre aiutarli tangibilmente e non solo a parole.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: