Attualità

Giacomo Testa, un delitto del lontano 1914

Giacomo Testa, nato ad Albisola, è il guardiano del Mattatoio Comunale di Savona, ha 66 anni e lavora duramente per mantenersi. L’uomo è disabile, ha una scogliosi con rotazione che gli ha fatto sorgere una rilevanza sul dorso, ma a quell’epoca si usava un altro termine: deforme o peggio, gobbo, e in genere queste persone colpite dalla disabilità non godevano di molte garanzie.

Giacomo vive con la sorella, anch’essa con gravi disabilità fisiche, campano entrambi con il suo salario di guardiano.
Oltre a fare il custode del civico macello, Giacomo è anche il custode del canile annesso al mattatoio.
La sera del 15 dicembre del 1914, Giacomo viene trovato in un angolo buio del cortile del mattatoio, morto, in un lago di sangue e con numerose ferite da arma da taglio e diverse contusioni sul capo.

IL CASO – A trovare il suo corpo orribilmente sfigurato fu un vetturino, il signor Oxilia, che abitava proprio di fronte al macello. Sentendo delle urla terribili provenire dal mattatoio, Oxilia scese di corsa dalla sua abitazione rinvenendo nel buio della notte il cadavere della vittima. Oltre a scoprire il cadavere, Oxilia scorse un giovane garzone di macelleria, da egli riconosciuto come Angelo Damonte, che si allontanava correndo dalla scena del crimine, sostenendo di andare a cercare aiuto.

Dopo breve tempo arrivò sul posto il Procuratore del regno e il Commissario con le Guardie Regie che iniziarono subito le indagini, ascoltando le testimonianze e cercando le armi del delitto, poi trovate dagli agenti sul greto del torrente Letimbro e cioè un coltellaccio da macellaio e un nerbo di bue, entrambi sporchi di sangue. Da subito l’attenzione della Polizia fu rivolta al garzone del macellaio, Angelo Damonte, che, messo sotto pressione nel corso di un duro interrogatorio, alla fine confessò di aver commesso l’omicidio, avvenuto per futili motivi: il ventenne voleva vendicarsi nei confronti del “gobbo” il quale continuamente lo tormentava con continui rimproveri per lavori malfatti all’interno del macello.

Alla fine il garzone, stufo, decise di aggredire ed uccidere Giacomo Testa. L’idea era quella di tendergli un agguato, adducendo come scusa che due uomini gli volevano dare un cane in custodia, lo avrebbe invitato ad uscire di casa e appena soli e lontani da casa e soprattutto dalla sorella della vittima, lo avrebbe aggredito colpendolo con inaudita violenza alla testa con il nerbo di bue, appena il poveretto si fosse accasciato a terra, gli avrebbe inflitto una trentina di coltellate finendolo per poi allontanarsi per gettare le armi nel torrente e tornare a casa a lavarsi del sangue del morto.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: