Attualità

RICORDO DI JFK

Cento anni fa, il 29 maggio 1917, a Brookline nel Massachussets, nasceva John Fitzgerald Kennedy – JFK, come lo chiamavano i media. Eletto nel 1960, fu il più giovane presidente degli Stati Uniti d’America. La sua presidenza durò 1036 giorni, avendo assunto la carica di 35° Presidente degli USA con il giuramento del 20 gennaio 1961 ed essendo stato ucciso il 22 novembre 1963. Fu la più lunga delle sette presidenze più brevi degli Stati Uniti (escluso Donald Trump): il record appartiene a William Henry Harrison (il 9° Presidente) che morì di polmonite il 4 aprile 1841, dopo 31 giorni dall’insediamento avvenuto il 3 marzo 1841. I Presidenti USA assassinati furono William McKinley, Abraham Lincoln, James A. Garfield: 3 su 43 (escluso Trump), mentre quelli che morirono durante il proprio mandato furono due:oltre il già citato Harrisono, morì anche F.D. Roosvelt. In definitiva quelli che non finirono il mandato per malattia o per assassinio furono 5 su 43 pari al 12%, un po’ meno dei morti sul lavoro nelle imprese di trasporto e stoccaggio e pari alla percentuale dei caduti sul lavoro nelle imprese di estrazione (miniere).   La percentuale è molto maggiore di quella dei morti nel settore edile (che è ritenuto un lavoro pericoloso) che nel 2012, USA,  è stato del 9,7%. Tornando a John Kennedy, le televisioni hanno ricordato il suo discorso a Berlino del 23 giugno 1963 (cinque mesi esatti prima di morire) dove la frase (pronunciata in tedesco) “ich bin ein Berliner” (io sono un Berlinese) ha fatto il giro del mondo a testimonianza dell’impegno americano a sostenere la Germania ovest nel corso della “Guerra fredda”. Inoltre ci hanno riproposto i film sulla crisi dei missili a Cuba nell’ottobre 1962.   Io vorrei, però, ricordare che dobbiamo a Kennedy cose molto meno trucide e che hanno avuto influenza anche sulla nostra economia. Primo fra tutti quella riforma dei rapporti commerciali e doganali. all’interno del GATT (General Agreement on Tarifs on Trade = Accordo generale sulle tariffe e sul commercio) che iniziati i propri lavori nel 1963, li concluse nel 1967 col nome di Kennedy Round, in omaggio a JFK. Così, infatti, furono chiamati i risultati dei negoziati che unirono 62 Paesi e nel quale vennero introdotte misure antidumping sul commercio internazionale come logica conseguenza dello “US trade expansion act” (norma sull’espansione commerciale) con la quale Kennedy ebbe i poteri di negoziare una riduzione dei dazi doganali fino al 50%. Su scala internazionale Kennedy aveva lanciato, nell’estate del 1960, l’obbiettivo della “Nuova Frontiera” e nel marzo 1961 costituì il Corpo di Pace, struttura di volontariato internazionale che ha inviato gli insegnanti a nazioni più povere, per contribuire ad accrescere i livelli di istruzione e rafforzare le loro economie. Un’altra conquista di Kennedy è stata la costituzione dell’Alleanza per il progresso, che ha fornito aiuto in materia di sanità e di istruzione in America Latina. Si deve, infine, a JFK la firma del trattato per il bando dei test nucleari (Partial Test Ban Treaty) con l’Unione Sovietica. Questo trattato ha convenuto che entrambi i Paesi avrebbero smesso tutti i test nucleari in atmosfera e limitato quelli sottorranei. Kennedy ha anche fortemente sostenuto lo sviluppo del programma spaziale; dopo che l’Unione Sovietica ha lanciato un cosmonauta nello spazio nel 1961, Kennedy ha sfidato gli Stati Uniti a mandare un uomo sulla Luna entro il 1970.  Come si vede da questa Presidenza era lecito aspettarci grandi cose che avrebbero inciso positivamente sul futuro del mondo, se JFK avesse potuto concludere il proprio primo mandato e (come era assai probabile) avesse potuto essere riconfermato. Ancora 5 anni di Presidenza Kennedy forse avrebbero influenzato anche la politica interna dell’URSS, che forse con Kennedy vivo e saldamente al potere non avrebbero visto la deposizione di Kruscev, nella primavera del 1964, pochi mesi dopo la morte di Kennedy e con L. B. Johnson Presidente degli USA, ancora in fase di assestamento, sia per la drammaticità della sua ascesa alla Presidenza e per il rodaggio della nuova amministrazione.  La storia non si fa con i sé e con i ma: tuttavia è lecito nutrire un profondo sentimento di vuoto, per quello che poteva essere e non è stato. Lo stesso sentimento di vuoto che provai alla notizia della morte di JFK. Ho ancora (a 54 anni di distanza) un ricordo di quella notizia vivido e molto preciso. Erano circa le 10 di sera e, uscito da casa della mia ragazza a Carcare (che poi divenne mia moglie e siamo ancora oggi assieme), percorrevo via Garibaldi quando incontrai l’amico Vincenzo Bertino [recentemente riconfermato Presidente della Confcommercio di Savona: complimenti e sinceri auguri di fare sempre bene come in tutto il suo passato] che mi disse di aver saputo dell’attentato. Cercammo (allora non c’erano tante televisioni) un posto dove vi fosse la televisione e seguimmo il telegiornale che ci informò della morte di Kennedy. Ogni volta che ricordo quei momenti provo lo stesso senso di freddo e di smarrimento che ho provato anche con gli omicidi di Falcone e Borsellino. Di fonte a tanto orrore non si può non provare un senso di vuoto e di impotenza che ci fa rendere conto di quanto siamo indifesi di fronte al male.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           (Lorenzo Ivaldo)

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: