Attualità

I baci di Alassio protagonisti al convegno di Legacoop

La creatività del pasticciere di Alassio che lavorando i semi della pianta di canapa inventa una ricetta di gelato. Il coraggio e l’esperienza della giovane cooperativa marchigiana, che riscoprendo la cultura della canapa inizia a produrre pasta e farina, prodotti alimentari dall’altissimo valore nutrizionale. Il giovane imprenditore del settore farmaceutico che, prendendo le redini dell’azienda di famiglia, le apre sul settore della canapa. Se c’è ancora qualcuno che ha dei dubbi sul fatto che la canapa possa essere una risorsa, il convegno promosso oggi da Legacoop Liguria è stata un’occasione utile a farsi un’opinione diversa.

Al Ducale di Genova è stato dato spazio anche a molte realtà locali che sul tema della canapa hanno investito e scommesso: Demoelà, la giovane cooperativa che produce giochi, ha presentato il suo GrowerZ il rivoluzionario gioco di carte dedicato proprio al tema dell’autocoltivazione. E l’organizzazione di momenti di ristoro con alcune degustazioni di prodotti alimentari derivanti da canapa (baci di alassio alla farina di canapa e trofie al pesto con i semi di canapa a sostituire i classici pinoli).

ll territorio ligure infatti, un tempo votato alla coltura della canapa (i genovesi vi tessevano le vele e le cime per armare le loro navi), potrebbe oggi trovare nuove possibilità occupazionali visti gli interessanti sviluppi internazionali del settore sia in ambito tessile che edile, medico e farmaceutico, ricreativo e agricolo, gastronomico e sociale. Per la prima volta in Italia LegaCoop Liguria, sulla spinta di “Generazioni”, network dei giovani cooperatori, ha promosso un dibattito di respiro nazionale, coinvolgendo dirigenti della Regione Liguria, medici e imprenditori, cooperatori ed operatori sociali, ricercatori.

Dal punto di vista normativo e sociale il convegno si è posto il problema se sia necessario un approccio “separatista”, che distingua la produzione di canapa industriale (le cui norme nazionali sono state recentemente riformate) dalla cannabis ad uso medico e/o ricreativo. ” La canapa tiene insieme tutta una serie di elementi fondamentali per il mondo cooperativo – ha spiegato Alessandro Frega, vicepresidente di Legacoop Liguria -. Parlando di produzione della canapa si parla di ambiente e territorio e di sviluppo agricolo, e quindi di difesa del suolo dal dissesto idrogeologico e allo stesso tempo di lavoro. Si parla di uso terapeutico della cannabis e lotta alla criminalità, e quindi di diritti, di legalità, della lotta forte e chiara che come mondo delle cooperative portiamo avanti contro le mafie. Ma non solo, vogliamo investire su questo terreno perché crediamo ci siano spazi importanti di lavoro».

Approfondite in particolare le opportunità legate alla canapa per il mondo del lavoro: una nuova filiera, occupazione per le giovani cooperative agricole e sociali del territorio, sviluppo sostenibile in aree rurali, diversificazione delle culture e contrasto al dissesto idrogeologico.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: