EconomiaPolitica

Conti della Provincia approvati: indebitamento di 2,2 milioni

Il consiglio provinciale di Savona ha approvato all’unanimità i conti 2016 di Palazzo Nervi.Il consuntivo chiude con il segno meno, in linea con le attese e con la situazione dell’Ente, per un importo di 1,2 milioni di euro. Determinanti, per il bilancio della Provincia, i trasferimenti allo Stato di una buona fetta di entrate che “un tempo”, cioè prima della riforma che poi è stata sostanzialmente bocciata dal referendum di dicembre, rimanevano in cassa. Si è trattato, lo scorso anno, di qualcosa come 21,8 milioni di euro.

Pur non mantenendosi in equilibrio, Palazzo Nervi ha proseguito lungo il percorso obbligato che del contenimento dei costi: Le spese per il personale sono scese dai 10,7 milioni di euro del 2015 (pari al 25,15% della spesa corrente) a 7,7 milioni dello scorso anno (pari al 14,63% della spesa corrente). Vale la pena rilevare che l’impatto sulla spesa pubblica di questi tagli (nell’arco di pochi anni il personale della Provincia si è più che dimezzato) è pressoché irrilevante, in quanto i dipendenti in esubero sono stati trasferiti attraverso procedure di mobilità ad altre amministrazioni.

E’ sceso anche l’indebitamento complessivo, da 20,4 a 18,2 milioni di euro, pari ad un indebitamento pro capite per abitante di 65 euro (erano 72 nel 2015). La vendita di partecipazioni “non strategiche” ha comportato una riduzione delle entrate da dividendi, scese da 677 mila a 411 mila euro. In pratica la Provincia ha fatto cassa vendendo quasi la metà della propria partecipazione in Autostrada dei Fiori, ma ha dovuto dire addio ad una parte degli utili. A decollare, nonostante le infinite polemiche sull’uso degli autovelox culminate con le “quasi rivolte” di Cengio e Albenga, sono state le entrate per verbali e illeciti vari, passate dai 155 mila euro del 2015 ai 661 mila dello scorso anno.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: